Festival teatrale Sulla Nuda Pelle sui luoghi della Memoria dal 17 al 31 agosto

I luoghi della Grande Guerra sono stati scenario, fonte di ispirazione ed emozione delle tre precedenti edizioni del Festival teatrale Sulla Nuda Pelle organizzato da Molino Rosenkranz che anche quest’anno, mantenendo la sua formula itinerante ci riporta ad esplorarli con tre diversi spettacoli a ingresso gratuito in otto suggestive location dalla montagna al mare del Friuli Venezia Giulia. L’articolazione del Festival e il pensiero coinvolgente e inclusivo che lo anima, sono elementi distintivi di un progetto che ha visto rinnovare anche per questa 4^ edizione, in programma dal 17 al 31 agosto, il sostegno della Regione, nell’ambito della Promozione della Cultura Storica attraverso eventi e manifestazioni rivolte al pubblico.

Fu lo storico Pierre Nora a formulare per primo una definizione del luogo della memoria descrivendolo come “unità significativa, materiale o ideale, che rende visibile ciò che non lo é: la storia”.

Il luogo della memoria ha come scopo fornire al visitatore, al passante - nel nostro caso, allo spettatore - un quadro autentico e concreto di un fatto storico.
Conoscere il passato e le storie di uomini e donne che ci hanno preceduti, comprendere la relazione tra luogo, narrazione e costruzione della memoria ci rinforza, ci forma, ci aiuta ad orientarci e a confrontarci. Il linguaggio del teatro aumenta il potenziale di questi luoghi generatori di identità.
Luoghi, paesaggi, natura, storie come quelle delle donne partigiane e portatrici carniche, esperienze indelebili come il sussulto della terra nel sisma del 1976, viaggi nel tempo, nello spazio e nei sentimenti che gli attori e gli artisti coinvolti in questa rassegna faranno rivivere restituendoli in suggestioni, riflessioni e ammonimenti in un tempo incerto come quello che stiamo vivendo per ritrovare forza e speranza. Per arrivare al sito dello spettacolo, il pubblico è accompagnato da guide e storici del posto lungo sentieri semplici e suggestivi ricevendo informazioni sul contesto che lo circonda. La passeggiata prepara ad accogliere al meglio emozioni inedite e riflessioni su passato, presente e futuro.

Gli spettacoli in programma per il festival
QUANDO LA TERRA DANZO'
con Marta Riservato
Elsa Martin voce, oggetti sonori, live electronics
supervisione di Fabiano Fantini

“20.55 la terra ha come un brivido. Poi alle 21 la seconda scossa più robusta, un sisma violentissimo. La terra trema, maledetta ballerina, sembra un mare in tempesta.”
“Il miracolo della vita si è rinnovato in Friuli: più il terremoto si evidenzia in tutta la sua grande violenza, e più la febbre della vita avvolge e trascina i sopravvissuti. Qui in Friuli il tempo non si è fermato alle 21 di quel maledetto giovedì. Questo è il modo in cui i friulani onorano i caduti, senza piagnistei, senza isterismi. Sono tutti lì, sui cumuli di macerie a scavare, a raccogliere miseri resti o povere, piccole cose.”
Marta Riservato e Elsa Martin raccontano con il canto, la musica e la narrazione le terribili vicende legate al terremoto del ’76 in un percorso fatto di testimonianze dirette, pagine di cronaca e contributi video originali che restituiscono l’intensità di quei momenti spogliati da ogni retorica e rivisitazione.

SOSPIRO D'ANIMA
di e con Aida Talliente
musiche interpretate da Davide Cej
disegno luci Luigi Biondi
scenografica Massimo Staich

Un viaggio dedicato a Rosa Cantoni, Rosina per chi l’ha amata, o “Giulia” per chi l’ha conosciuta come protagonista della Resistenza friulana. Nato dopo un lungo e intenso periodo di incontri con Rosina, lo spettacolo è un attraversamento lento e discreto dei suoi ricordi, delle sue vecchie fotografie e delle sue poesie. E’ il racconto prezioso di una vita straordinaria, vissuta con forza, coraggio e soprattutto amore: amore per la vita, per il mondo, per le future generazioni a cui Rosina sempre ha parlato.

Rosa Cantoni era una delle più anziane partigiane della città di Udine. Durante la seconda guerra mondiale è stata protagonista nella lotta della Resistenza e poi deportata al campo di sterminio di Ravensbruk nel ’45. Ascoltando le sue parole e le sue testimonianze, si diventa silenziosi spettatori di ciò che si è consumato nel corso del tormentato ‘900.

LA GUERRA SULLE SPALLE
con Marta Riservato
regia Massimiliano Donato
ricerca e trasmissione canti Claudia Grimaz
scenografia Roberto Pagura

“Alle donne carniche, alla loro dignità, al loro silenzio e al sudore”.
Una vita in salita, un peso sulla schiena che solo i muli erano abituati a portare. Protagoniste dello spettacolo sono le portatrici carniche. Il racconto parte dalla fine, dalla ritirata: è l’ottobre del 1917 e insieme alla popolazione e agli eserciti anche queste donne si trovano a lasciare la loro terra, la loro casa che per due anni e mezzo hanno difeso a denti stretti per andare da qualche parte, non si sa dove. Durante questo esodo Erminia, portatrice e madre di famiglia, racconta la sua guerra, la sua fatica e la sua paura di arrivare ogni giorno al fronte. Una vicenda di coraggio che parla di una terra il cui orizzonte è alto e dove la sua gente abbassa la testa e suda per raggiungerlo.

Prenotazioni preferibilmente via mail: mr@molinorosenkranz.it
o telefonando allo 0434 574459 o 377 0985538
L’ingresso agli spettacoli è gratuito
Portare sempre la mascherina
Si consiglia di portare con sè una torcia elettrica, un telo o un cuscino per sedersi più comodamente
In caso di maltempo, le indicazioni su location alternativa sono riportate nelle singole date
Altre info e aggironamenti su www.molinorosenkranz.it

Lunedì 17 agosto ore 20.00 VILLA SANTINA Scavi archeologici del Col di Zuca
Quando la terra danzò (prima nazionale)

MASSIMO 50 spettatori - PASSEGGIATA + SPETTACOLO
Ritrovo alle ore 20.00 a Invillino alla Cappelletta della Madonnina del ponte, strada provinciale, 72 n 8 camminata fino agli scavi archeologici del Col di Zuca.
In caso di pioggia lo spettacolo si svolgerà all’interno della fortificazione del vallo alpino del littorio “Plera”.

Mercoledì 19 agosto ore 20.30 DUINO AURISINA Grotta del Mitreo
La Guerra sulle spalle

MASSIMO 25 spettatori - PASSEGGIATA + SPETTACOLO
Ritrovo alle ore 20.30 alla stazione forestale di Duino – Aurisina, vicolo forestale 78/A e camminata fino alla Grotta del Mitreo.
Si consiglia di parcheggiare nei pressi della Chiesa di San Giovanni in tuba.
Lo spettacolo si svolgerà anche in caso di maltempo.
L’ambiente è umido, si consiglia di indossare abbigliamento adeguato e portare una torcia e un cuscino o telo per sedersi.

Venerdì 21 agosto ore 20.30 STREGNA fraz. TRIBIL SUPERIORE Prati del Klopce
La Guerra sulle spalle

MASSIMO 70 spettatori - PASSEGGIATA + SPETTACOLO
Ritrovo alle ore 20.30 al campo sportivo di Tribil superiore e breve passeggiata fino ai prati del Klopce. In caso di pioggia l’evento sarà rimandato a sabato 22 agosto.
Si consiglia di indossare abbigliamento adeguato e portare una torcia e un cuscino o telo per sedersi.

Lunedì 24 agosto ore 21.00 MEDUNO Palazzo Colossis
Quando la terra danzò

MASSIMO 30 spettatori
Esterno di Palazzo Colossis, via del Municipio
In caso di pioggia lo spettacolo sarà annullato

Martedì 25 agosto ore 21.00 SUTRIO Ort di sior Mattie
Quando la terra danzò

MASSIMO 30 spettatori
Ort di Sior Mattie, via Linussio
In caso di pioggia Sala polifunzionale di Sutrio

Giovedì 27 agosto ore 21.00 FRISANCO Fraz. Casasola Piazza di Casasola
Sospiro d’anima

MASSIMO 30 spettatori
Piazza di Casasola
In caso di pioggia Circolo operaio di Frisanco

Notte tra venerdì 28 e sabato 29 agosto RAGOGNA Castello
Sospiro d’anima

MASSIMO 30 spettatori - ESCURSIONE NOTTURNA + SPETTACOLO
Ritrovo al parcheggio del Castello di San Pietro di Ragogna alle ore 24.00.
Escursione notturna con visita guidata sul monte di Ragogna (durata circa 3 h)
Spettacolo ore 4:00 Terrapieno del Castello
In caso di pioggia sala interna del Castello di San Pietro di Ragogna ore 24.00

Lunedì 31 agosto ore 20.00 Pinzano al Tagliamento Greto del Fiume Tagliamento
La Guerra sulle spalle

MASSIMO 70 spettatori - PASSEGGIATA + SPETTACOLO
Ritrovo alla stazione dei treni di Pinzano alle ore 20.00 e passeggiata fino al greto del fiume Tagliamento dove si svolgerà lo spettacolo.
In caso di pioggia Sala Somsi, via XX settembre