FIRMATO L’ACCORDO ASUGI-UNIVERSITÀ DI TRIESTE, CHE PREVEDE LA REALIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA CONGIUNTO DI SCREENING TRAMITE TEST SIEROLOGICI

Si comunica, che è stata stipulata una convenzione con l’Università degli studi di Trieste finalizzata alla realizzazione di forme di collaborazione per la gestione della fase di ripartenza post COVID-19.
L’attuale crisi mondiale legata alla diffusione del COVID-19 sta determinando la necessità di comprendere i bisogni della popolazione regionale in questa fase di riavvio delle attività e di adeguamento alle nuove condizioni di distanziamento sociale e di protezione sanitaria. In quest’ottica è stato stipulato un accordo tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, l’Università degli Studi di Trieste e la Sissa per la realizzazione di un progetto di ricerca finalizzato a sottoporre a esame con metodo scientifico l’impatto del COVID-19 sulla vita dei cittadini regionali, la socialità, nonché sugli aspetti sanitari e delle politiche sociali, del lavoro e della formazione e istruzione.
In linea con questo progetto di ricerca, l’Università degli Studi di Trieste e l’Azienda sanitaria ASUGI hanno deciso di collaborare nella realizzazione di un programma congiunto di screening da effettuarsi tramite test sierologici volti a rilevare la presenza di anticorpi contro l’infezione da Coronavirus della Sindrome respiratoria Acuta Severa 2 (SARS-CoV-2). I test sierologici saranno rivolti, su base volontaria, prioritariamente al personale universitario ricercatore, docente e tecnico-amministrativo e al personale dipendente di enti e aziende operanti sul territorio.
Dal canto suo ASUGI assicura la messa a diposizione della propria Struttura Complessa Laboratorio di Analisi e le attrezzature di pertinenza della medesima per la realizzazione dell’attività, oltre alle risorse professionali necessarie per effettuare i prelievi per i test sierologici.