Flextronics di Trieste, De Carlo (M5s): “urgente riconvocazione tavolo Mise. Depositata interrogazione” 

"Ritengo sia necessario riconvocare un tavolo istituzionale al MISE, per monitorare la situazione che ha investito l'azienda Flextronics di Trieste, proponendo un vero piano industriale in grado di salvaguardare i lavoratori dello stabilimento triestino e garantire lo sviluppo dell’azienda che permetterebbe il mantenimento di un know-how tecnologico elevato". È quanto dichiara in una nota la deputata M5S del Friuli Venezia Giulia, Sabrina De Carlo che, nella giornata odierna, ha depositato un'interrogazione sul tema, rivolta al Ministero dello Sviluppo Economico.
"Ho personalmente incontrato, nei giorni scorsi, le parti sindacali e una rappresentanza dei lavoratori, che hanno espresso uno stato di forte preoccupazione per l'elevato rischio di licenziamenti che potrebbe interessare la Flex. Già a 23 di loro non è stato rinnovato il contratto di somministrazione e sembrerebbe siano state spostate altre due produzioni in Romania che metterebbero ulteriormente a rischio 100 posti", spiega la deputata M5S.
"Nel corso di quest’anno, infatti, l’azienda ha avviato i trasferimenti in Romania di molteplici prodotti precedentemente fabbricati a Trieste, giustificando l’operazione come aiuto alla produzione stessa sui picchi di lavoro. È quindi necessario sottolineare come i lavoratori abbiano notato, negli ultimi mesi, un calo di produzione e abbiano già chiesto all’azienda di far rientrare le produzioni trasferite in Romania, al fine di ottenere un riequilibrio delle produzioni nei due siti. Il diniego di suddetta richiesta ha generato uno stato di agitazione e ritengo sia quanto mai urgente un intervento del Ministero a tutela e salvaguardia del livello occupazionale dello stabilimento", conclude Sabrina De Carlo del Movimento 5 Stelle Camera.