Fondo calamità naturali, De Carlo e Sut (m5s): “ col dl fiscale stanziati oltre 500 milioni di euro per la ricostruzione” 

Il piano d’azione dell’Esecutivo per fronteggiare i danni delle recenti alluvioni passa per il Decreto fiscale, approvato ieri in Senato e che prevede l’immissione di liquidità destinate alle aree colpite dalle recenti calamità naturali. L’intervento previsto nell’emendamento all’articolo 24 bis era atteso con attenzione particolare dagli eletti a Montecitorio per il MoVimento 5 Stelle Sabrina De Carlo e Luca Sut, accorsi tra l’altro nelle scorse settimane sui luoghi alluvionati assieme al ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli.  “Il Friuli Venezia Giulia è la seconda regione d’Italia più colpita dall’ondata di maltempo e i danni alle infrastrutture sono ingenti. Nonostante la risposta fattiva che da sempre ci caratterizza di fronte alle emergenze, dobbiamo fare i conti con importanti conseguenze soprattutto, ma non solo, nelle zone montane. Per questo, il Fondo del Mef che prevede l’immissione di 474,6 milioni per il 2019 e 50 milioni per il 2020, è il riscontro che ci serve ad affrontare con maggiore serenità la fase di ricostruzione che ci aspetta”, è quanto dichiarano in una nota i portavoce M5S alla Camera dei Deputati, De Carlo e Sut.
“Manutenzione, sicurezza, edilizia pubblica, rete viaria, dissesto idrogeologico: avevamo promesso di occuparcene e di stanziare i fondi necessari a far fronte all’emergenza, ma anche ad evitare disastri futuri, dovuti alle calamità naturali. Ed ecco che arriva una risposta concreta e puntuale che trasforma ancora una volta l’impegno in realtà - concludono i deputati.