Furio Honsell sull’incontro tra la Commissione Paritetica sul tema dei rapporti Stato – Regione e sull’approvazione della “Sessione europea 2020”

Nota stampa del consigliere regionale di Open Fvg Furio Honsell relativamente all'incontro di questa mattina in Consiglio Regionale tra la Commissione  Paritetica e l’Assemblea legislativa del Friuli Venezia Giulia sul tema dei rapporti Stato – Regione, in particolare per quanto riguarda gli accordi in materia finanziaria.

Dice  Honsell: "Mattinata curiosa in Consiglio Regionale FVG oggi: è stata invitata la Commissione Paritetica al completo per discutere della rinegoziazione del Patto Fedriga - Tria che prevederebbe un trasferimento di 700 milioni della Regione FVG allo Stato".
"La Commissione Paritetica non ha voce in capitolo però" ha dichiarato Furio Honsell del Gruppo Misto. "È corretto rinegoziare il Patto ma il Presidente Fedriga dovrebbe prima dichiarare come intende rilanciare la Regione."
"Quanto abbiamo visto anche negli ultimi mesi sono provvedimenti legislativi puntuali, piccoli favori, nulla di strategico. L'autonomia e la specialità della Regione FVG devono servire a realizzare un progetto forte di #innovazione: non si possono strumentalizzare di volta in volta a seconda di chi è al governo a Roma. Fino a quando c'era la Lega il patto andava bene, adesso invece è anacronistico!" ha concluso Honsell.

In una seconda nota stampa Honsell interviene relativamente all'approvazione in Consiglio della Risoluzione "Sessione europea 2020".
“Questo pomeriggio in Consiglio regionale, scrive il consigliere di Open Fvg,  si è tenuta la discussione circa la risoluzione della “Sessione europea 2020. Indirizzi relativi alla partecipazione della Regione FVG alla fase ascendente del diritto UE”. È importante questa discussione, in quanto l’Unione europea è oggi posta al centro di nuove sfide, che anche nel nostro territorio dobbiamo affrontare da subito: nel nostro piccolo possiamo contribuire con le nostre proposte al cambiamento nel futuro dell’Unione europea, portando le istanze dei cittadini direttamente nelle istituzioni cardini. Sfide nuove quindi che vanno dal cambiamento climatico alla crisi sanitaria, dall’emergenza economica e finanziaria alla tutela e alla salvaguardia dei diritti delle fasce più deboli della popolazione, dalla digitalizzazione ai programmi europei dedicati ai nostri studenti o orientati alla ricerca e all’innovazione.”
Concludendo, ha dichiarato il Consigliere regionale del Gr. Misto Honsell: “Nella fase preparatoria di redazione sono state inserite diverse nostre proposte:
1)        il riferimento alla posizione del FVG come cerniera tra varie culture e all’assunzione di un ruolo europeo aperto della nostra Regione;
2)        l’osservazione più volte ribadita in Consiglio regionale circa l’eliminazione del gasolio per il riscaldamento e la riduzione delle emissioni Co2 (si veda la mia proposta di legge);
3)        la considerazione relativa alle scelte di de-carbonizzazione e di sostenibilità;
4)        il richiamo circa il potenziamento delle esperienze di studio e formazione (in modo particolare Erasmus e Erasmus +);
5)        il riferimento alla posizione del FVG rispetto alla rotta balcanica, in quanto nel nuovo patto sulla migrazione e l’asilo non deve essere trascurato questo fenomeno segnato da violenze inaudite;
6)        il rimando al sostegno di misure per il contrasto alla solitudine e all’isolamento patologico dei cittadini;
7)        la richiesta di considerare indicatori di convergenza più completi rispetto al banale “PIL pro capite” perché da un lato questo non permette di evidenziare le disuguaglianze e dall’altro non rende giustizia rispetto alla purchasing power parity che dà la vera misura del potere d’acquisto.”
Approvato all’unanimità anche il nostro ordine del giorno che impegna la Giunta e l’Assessore competente affinché venga mantenuta la dovuta pressione a livello internazionale da parte delle istituzioni europee con la finalità di procedere ad una fattiva ricerca di Verità e di Giustizia per Giulio Regeni, ponendo maggiore attenzione dell’Europa nella tutela e salvaguardia dei principali diritti e habeas corpus nei paesi che possiedono relazioni economiche importanti con essa.