Giornalisti: Rojc (Pd), c’è intolleranza contro informazione

"La libertà di stampa è uno dei beni più preziosi della democrazia, e proprio in questi giorni è sotto l'attacco di frange incontrollate anche in Italia. Le Istituzioni hanno il dovere di stigmatizzare e difendere con la massima energia i comportamenti di chi pratica intolleranza, intimidazione e violenza contro gli operatori dell'informazione. L'Italia è un Paese libero ed è assurdo che chi invoca 'libertà' abbia insultato e attaccato la stampa". Lo ha detto oggi a Ronchi dei Legionari (Gorizia) la senatrice Tatjana Rojc (Pd), a margine della Giornata dedicata alla Libertà di stampa in memoria di Cristina Visintini, promossa dall'associazione culturale Leali delle Notizie, dalla società Filarmonica Giuseppe Verdi e dall'amministrazione comunale.
Per la senatrice "è significativo e giusto ritrovarsi nel ricordo di Cristina Visintini e in onore dei giornalisti caduti, imprigionati o minacciati dalle mafie e dai regimi autoritari. E a riprova di un'attenzione verso la categoria da parte del Governo - ha aggiunto Rojc - va segnalata la norma di spesa della Legge di Bilancio che, anche grazie a sollecitazioni venute a livello regionale e al lavoro dell'on. Serracchiani, potrà permettere la salvezza dell'Inpgi mantenendo l'autonomia dell'Istituto".