Gran Bretagna: a congresso i laburisti, Corbyn lancia il socialismo 2.0

Ieri Jeremy Corbyn presidente del partito Laburista ha chiuso il congresso del suo partito a Liverpool, congresso che ha sancito la sua ri-elezione a leader. Una rielezione che non era certo scontata dopo che il 28 giugno 2016, in seguito alla vittoria del Leave al Referendum sulla permanenza del Regno Unito nell'Unione europea, Corbyn era stato oggetto di una mozione di sfiducia non vincolante approvata da 172 parlamentari del suo Partito. Il leader dei laburisti in quell'occasione rifitò di dimettersi, sostenendo che tale atto avrebbe tradito l'ampio mandato ricevuto dalla base nel corso delle primarie del 2015.
Ora il congresso gli ha dato ragione e lui con un discorso appassionato e visionario è stato accolto da una standing ovation dimostrando di essere ancora saldamente capo indiscusso. Corbyn come è noto si definisce socialista, definizione non certo di moda in un Europa dove si rincorrono politiche che davvero poco hanno a che fare con la definizione di sinistra, basta vedere il Partito Democratico per capire bene di cosa si sta parlando.
Ma Corbyn no, lui nel suo discorso, come riportato dalle cronache, ha ricordato che “ottenere giustizia per tutti e cambiare la società per il beneficio di tutti è il cuore del laburismo.” Dunque ha spiegato è giusto fare campagne e protestare, ma anche “conquistare il potere a livello locale e nazionale, per realizzare il profondo cambiamento di cui il paese ha un disperato bisogno.” Per questo “il compito fondamentale del partito laburista è quello di ricostituire la fiducia e l’appoggio necessari a vincere le prossime elezioni e formare il nuovo governo.”
Pur “onorato di essere stato eletto per la seconda volta e con un mandato ancora più ampio”, Corbyn ha invitato a “fare le cose meglio e lavorare insieme in modo più efficace”. Corbyn ha poi ricordato che con oltre 500.000 membri il Partito Laburista è ormai il più grande partito politico dell’Europa occidentale; i nuovi iscritti degli ultimi mesi hanno superato quelli dei precedenti vent’anni e il totale dei membri corrisponde a quelli di tutti gli altri partiti messi insieme. E questo è dovuto al fatto che ormai la gente non ne può più del cosiddetto libero mercato e della crescente disuguaglianza e cerca un’alternativa all’austerity.
Corbyn ha dedicato una larga parte del discorso a una sferzante critica dei conservatori, “incapaci di rispondere al crollo del vecchio sistema economico, perché ce l’hanno nel DNA”. Sono il partito dell’elite privilegiata e sanno solo privatizzare, liberalizzare ed esternalizzare, facendo crescere la disuguaglianza, definita “il grande scandalo del nostro tempo”. E il nuovo governo di Theresa May, nonostante dichiarazioni e promesse di combattere la disuguaglianza, non si discosta da questa linea. Corbyn è poi passato a elencare le misure che un governo da lui guidato prenderebbe: aumento del salario minimo, messa al bando del lavoro a zero ore, ri-nazionalizzazione delle ferrovie, piano per la casa per risolvere la drammatica crisi degli alloggi, rafforzamento dei servizi sanitari ed educativi pubblici, decise azioni contro il cambiamento climatico, punizione dell’evasione fiscale, più tasse per i ricchi, istituzione di una Banca Nazionale di Investimenti per ricostruire e finanziare la Gran Bretagna. Ha poi affrontato di petto il tema dell’immigrazione, che è stato centrale nella campagna per la Brexit, denunciando i “vergognosi attacchi agli immigrati, aumentati dopo il referendum” e ricordando che “non sono gli immigrati a far scendere i salari, ma i datori di lavoro che sfruttano i dipendenti e i politici che liberalizzano il mercato e calpestano i diritti sindacali. Non sono gli immigrati a mettere in difficoltà il servizio sanitario nazionale, che anzi continua a funzionare grazie agli infermieri e ai medici stranieri che hanno compensato le carenze dovute ai tagli degli investimenti nella formazione. Non sono gli immigrati a causare la crisi degli alloggi, ma il governo conservatore che non ha costruito nuove case”.
La questione dell’immigrazione e la crisi dei rifugiati, ha proseguito Corbyn, sono legate alle guerre in Medio Oriente, per cui “dobbiamo riconoscere il ruolo giocato dai ripetuti interventi militari voluti dai governi britannici. Le conseguenze di queste guerre sono state la diffusione del terrorismo, l’estremismo e la violenza che hanno costretto milioni di persone a fuggire dai loro paesi.” Dunque è stato giusto “scusarsi a nome del partito per la guerra in Iraq, affermare che abbiamo imparato la lezione e che una simile catastrofe non deve più accadere.” In sintesi, c’è bisogno di “una politica estera basata sulla pace, la giustizia e i diritti umani.” Un governo laburista, ha promesso Corbyn, sospenderà le vendite d’armi ai paesi dove si registrano violazioni dei diritti umani e si commettono crimini di guerra, a cominciare dall’Arabia Saudita.
“Costruiremo insieme il socialismo del XXI secolo”, ha riassunto Corbyn. Poi ha aggiunto: “abbiamo una montagna elettorale da scalare. Ma se ci concentreremo sulle esigenze e le aspirazioni degli elettori della classe media e bassa, delle famiglie comuni, se dimostreremo di avere una proposta alternativa alle fallimentari politiche economiche del governo, sono convinto che riusciremo a costruire il sostegno elettorale in grado di battere i Tories”.
Il discorso si è concluso con un appello appassionato: “Dunque chiedo a ognuno di voi di accettare la decisione dei membri, di farla finita con la guerra di trincea e di lavorare insieme per sconfiggere i conservatori. Uniti possiamo disegnare il futuro e costruire una Gran Bretagna più giusta in un mondo di pace.”
Difficile dire se le ricette di Corbyn attecchiranno in Gran Bretagna,  ma una cosa è certa, molti politici della sinistra italiana dovrebbero leggersi il discorso di completo del leader dei laburisti inglesi, magari potrebbero avere qualche spunto per uscire dalle secche mentali in cui si trovano e ritrovare quello spirito che si è perso nel vischio delle logiche renziane.
Ci volesse leggere il discorso completo di Corbyn può leggerlo cliccando qui