Gusti di Frontiera: al via un piccolo esercito di treni speciali

Potenziato il servizio di trasporto pubblico, soprattutto quello ferroviario, in occasione di “Gusti di Frontiera”, la manifestazione in programma a Gorizia dal 22 al 25 settembre per la quale saranno predisposti 41 treni speciali che collegheranno Gorizia con Trieste, Udine, Monfalcone e, per la prima volta, l'area pordenonese. Il piano della logistica messo a punto da Regione, Trenitalia e APT, in collaborazione con il Comune, è stato presentato oggi nel capoluogo isontino alla presenza, oltre che dell'assessore Santoro, del sindaco Ettore Romoli, dell'assessore comunale ai Grandi eventi Arianna Bellan, della presidente dell'Azienda Pubblica di Trasporti (APT) Sara Cumar e del direttore regionale della Divisione Passeggeri di Trenitalia Simone Gorini.
«Quest'anno - ha evidenziato l’assessore regionale Mariagrazia Santoro - abbiamo ampliato l'offerta con un investimento di circa 80 mila euro per mettere a disposizione dell'utenza 52.000 posti sui treni. Risorse che si aggiungono a quelle investite per analoghi servizi rivolti a Friuli DOC, Barcolana, Festa della Zucca, Pordenonelegge e Palio di San Donato».
Già questa sera è prevista la partenza da Trieste di 5 convogli straordinari in direzione della Stazione di piazzale Martiri della Libertà. A questi ne seguiranno altri, tutti convergeranno su Gorizia, tra sabato e domenica.
Potenziati anche i bus navetta dell'APT di Gorizia che collegheranno, a partire dalle 16.00 nelle giornate di venerdì e sabato, e dalle 11.00 nella giornata di domenica, i parcheggi scambiatori (Sdag, PalaBigot, via della Barca e Casa Rossa, oltre alla navetta dalla Stazione ferroviaria) con il cuore della manifestazione.

Potrebbero interessarti anche...