I polli di Venturini sono tornati. Un libro e una mostra a un anno dalla scomparsa del celebre vignettista friulano

A un anno dalla prematura scomparsa, una raccolta e una mostra delle sue vignette rende merito alla tagliente satira di Fernando Venturini. La pubblicazione “In punta di penna”, edita da Il Friuli, che illustra un’attività durata circa vent’anni sarà presentata sabato 7 dicembre alle 18 nel municipio di Palmanova, comune dove è nato e vissuto Venturini e dove sono nati i suoi celebri ‘polli’, in coincidenza con l’inaugurazione di una mostra che presenta il meglio del suo portfolio vignettistico. Da venerdì 13 dicembre, poi, il libro sarà distribuito in tutte le edicole della regione in allegato al settimanale Il Friuli. L’iniziativa gode del sostegno del Comune di Palmanova.

Nato a Palmanova il 15 dicembre 1951, Fernando Venturini, formatosi come grafico, si è dedicato nella vita professionale alla progettazione di arredamenti d‘interni che ha sempre svolto nel negozio di famiglia a Buttrio da lui fondato. Per vent’anni ha applicato la passione per la grafica e la sua ironia alla realizzazione di vignette satiriche. Lo ha fatto partendo dalla ‘sua’ Palmanova e dal recinto (pollaio) a nove punte della città stellata, non dimenticando mai le loro origini jalmicchesi. I suoi polli, in seguito, hanno volato più in alto affrontando temi regionali e nazionali. Dal 2000 sulla rivista La Panarie ha curato una pagina e dal 2013 ogni giorno una vignetta chiudeva il telegiornale serale di Telefriuli. Le sue vignette sono state regolarmente pubblicate dal settimanale Il Friuli e dalla rivista Realtà Industriale di Confindustria Udine, nonché quotidianamente sulla sua pagina personale di Facebook. Dal 3 ottobre del 2018 ci ha lasciato in eredità i suoi polli e il suo personale segno.