Incontro Confartigianato Fvg- Regione Fvg: confermati stanziamenti per il settore

L’Assessore regionale alle Attività Produttive, Sergio Bini ha incontrato una delegazione di Confartigianato Imprese FVG guidata dal Presidente, Graziano Tilatti, e dal Presidente del Centro Assistenza Tecnica per l’Artigianato (Cata), Graziano Medeot. Un incontro non di cortesia istituzionale ma caratterizzato dalla ferma volontà di avviare un confronto costruttivo anche se dialettico così come richiede la complessità della situazione economica in profonda trasformazione, sui temi riguardanti la recente Legge di Stabilità e le ricadute sul comparto ma anche le future iniziative che la Regione intende perseguire anche a sostegno di progetti provenienti da confartigianato. Il Presidente Tilatti ha evidenziato il fatto che, nonostante la crisi che continua a interessare tutto il mondo delle imprese e della produzione, l’artigianato e la micro impresa continuano comunque ad essere il pilastro portante dell’economia regionale. “Puntare su questo settore”, ha detto Tilatti, “significa investire sul futuro della nostra regione, dando possibilità di lavoro ai giovani anche a fronte delle dismissioni del comparto industriale e della crisi di altre aree economiche. Per questo motivo è apprezzabile la volontà dell’Assessore di voler fare dell’ascolto e del confronto un metodo di lavoro che ha già portato in questo primo provvedimento finanziario un positivo riscontro ”. Il Presidente Medot, nel sottolineare l’importanza che il Cata ha avuto in questi anni per la nascita e lo sviluppo delle imprese artigiane, ha evidenziato il fabbisogno economico per il 2019, che è cresciuto rispetto a quello dell’anno precedente a fronte di un significativo incremento delle domande di finanziamento. L’Assessore Bini ha pienamente condiviso il ruolo e l’importanza della piccola impresa e dell’artigianato nell’economia del Friuli Venezia Giulia, non solo per i numeri che oggi essi rappresentano sia dal punto di vista del Pil che dell’occupazione, ma soprattutto per le potenzialità che le piccole imprese hanno di innovarsi ed adattarsi al nuovo contesto economico che sta attraversando una fase di radicale e veloce cambiamento. In particolare, l’Assessore ha confermato gli stanziamenti necessari al comparto dell’artigianato evidenziando nel contempo le novità contributive approvate in Finanziaria con il credito d’imposta strumento che potrà essere volano di crescita proprio per aziende di ridotte dimensioni. Su questo punto la collaborazione dovrà essere stretta perché il cambio culturale riguarda sia la burocrazia che gli artigiani. Altri ambiti di collaborazione sono stati individuati nella realizzazione di importanti progetti in essere, a partire dalle iniziative sul microcredito (Sissipay e Confidi) e dal recupero dei siti produttivi dismessi.

 

Potrebbero interessarti anche...