Industrie culturali e creative: Friuli Innovazione fa l’en plein. Pubblicata la graduatoria del bando regionale

La graduatoria del bando per i finanziamenti alle Imprese Culturali, Creative e Turistiche della Regione Friuli Venezia Giulia parla chiaro: i piani alti della classifica scelgono di affidarsi all’incubatore certificato Friuli Innovazione per i servizi di supporto allo sviluppo imprenditoriale del loro progetto.

Per quanto concerne le imprese inserite nel percorso di Accelerazione e consolidamento d’impresa, Friuli Innovazione si è aggiudicato la preferenza di 5 candidate su 14, conquistando tutte le prime quattro posizioni della classifica: Albergo Diffuso di Sauris con il progetto “Experience”, Creea Snc con "Interventi artistici in organizzazioni complesse, dal modello alla commercializzazione”, Quasar Srl con "Realtà immersiva ed esperienze 3D in Friuli Venezia Giulia" e Uponadream Studios con “UpOnADream - Sviluppo Crescita e nuovi servizi”. Ottavo posto per Altre Forme Scarl che ha scelto Friuli Innovazione per il progetto “Vieni a vedere l'arte. Realizzazione di un format per produrre video didattici in campo artistico”.
Inoltre Creea Snc, Quasar Srl e Uponadream Studios si erano affidate a Friuli Innovazione anche nella fase propedeutica alla partecipazione al bando, ottenendo un supporto per la presentazione del progetto.

Per quanto riguarda invece il percorso di Pre-incubazione e Incubazione, scelgono Friuli Innovazione 5 realtà, questa volta nelle prime 10 posizioni della classifica, compresa la prima classificata: Kaixin Travel, un progetto incentrato sulla creazione di una certificazione di qualità ed idoneità delle strutture ricettive turistiche e culturali del Friuli Venezia Giulia rivolta ai viaggiatori di nazionalità e lingua cinese.
Seguono Associazione Culturale Modo con il progetto “Casamia, dare vita alle idee, dare spazi alle persone”, Zipline Experience, che vuole realizzare una Zipline nell’area del bosco che collegherà il Monte Ruche con il lago di Sauris, Unitzero Srl con lo sviluppo del marchio UZTZU Clothing e il progetto di sviluppo del MuDeFri, il Museo del Design del Friuli Venezia Giulia.

“Questo risultato conferma il buon lavoro che stiamo portando avanti con startup e idee di impresa – ha dichiarato il direttore di Friuli Innovazione Fabio Feruglio -. In questi anni abbiamo registrato quasi 800 idee di impresa, supportato più di 250 business plan, creato oltre 60 imprese e più di 230 posti di lavoro”.

“Le imprese avevano la possibilità di selezionare l’incubatore al quale affidarsi già in fase di candidatura – continua Feruglio – e noi abbiamo ricevuto il maggior numero di preferenze. Il fatto che chi ci ha scelto si sia posizionato ai primi posti della graduatoria è ulteriore motivo di orgoglio e stimolo a lavorare con motivazione e passione per far crescere nel nostro territorio una sempre maggiore cultura dell’imprenditorialità, anche nel settore della cultura”.

Attualmente le imprese della cultura attive in Friuli Venezia Giulia sono 5.179: 2.259 industrie creative, 2690 culturali, 214 performing arts e arti visive e 16 del patrimonio storico artistico. In base ad un recente rapporto dalla Fondazione Symbola, il Friuli Venezia Giulia è nono nella graduatoria delle regioni che più producono ricchezza e lavoro con la cultura e la creatività.
A livello nazionale, secondo studi di Unioncamere e Fondazione Symbola, nel 2017 il Sistema Produttivo Culturale e Creativo vale il 6% del PIL nazionale. La cultura costituisce inoltre un volano per lo sviluppo turistico, infatti più di un terzo (37,9%) della spesa turistica nazionale è attivato proprio dalla cultura. Dal punto di vista dell’occupazione, la produzione culturale e creativa impiega al 2016 circa 1.495.000 persone, pari al 6% degli occupati del paese.

Potrebbero interessarti anche...