Insegue la moglie con machete e la roncola, poi resiste ai carabinieri e finisce in cella

Accecato dall'idea che la moglie potesse tradirlo l'ha inseguita con machete e roncola. Provvidenziale l'intervento dei carabinieri che a loro volta assaliti riescono ad immobilizzare l'energumeno e lo arrestano. E' finito così in manette un uomo di 40 anni di origine serba che vive a Lusevera. Secondo la ricostruzione dell'accaduto dopo l'ennesima lite con la moglie scoppiata nel pomeriggio di ieri l'uomo che evidentemente aveva rimuginato per ore si è recato come una furia sul luogo di lavoro di lei, una 35enne anche lei serba.
L'uomo ha spaccato il vetro di una finestra del locale dove lavora la donna e poi l'ha inseguita brandendo machete e roncola. Grande paura e immediata chiamata ai carabinieri del Norm della Compagnia di Udine. I militari dell'arma son giunti sul posto rapidamente sperando di riportare l'uomo alla ragione. Ma alla vista delle divise il 40enne non solo non si è calmato ma anzi a cercato di scappare scagliandosi contro i militari che cercavano di fermarlo. I carabinieri sono riusciti ad immobilizzarlo e disarmarlo con difficoltà e sono rimasti anche lievemente contusi. Immobilizzato, anche per evitare che l'energumeno potesse ritentare di far male a qualcuno l'uomo è stato arrestato e condotto in carcere a Udine, a disposizione dell'autorità giudiziaria. L'uomo è quindi finito in manette con una lunga lista di reati, dal porto abusivo di armi improprie, dal danneggiamento aggravato alla violazione di domicilio ed infine la violenza a pubblico ufficiale.

Potrebbero interessarti anche...