La Toppazzini Spa di San Daniele prima classificata a bestinflexo 2018 evento di riferimento per il settore della stampa flessografica

C’è anche la Toppazzini spa di San Daniele tra i premiati della quarta edizione del premio alla qualità di stampa flessografica BestinFlexo 2018, evento di riferimento per il settore della stampa flessografica, che ha appena visto a Bologna la partecipazione di circa 280 persone per la serata di premiazione degli stampatori vincitori e delle eccellenza del settore. Circa 150 lavori in gara, 12 le categorie premiate, a testimonianza della grande versatilità della flexo: 5 premi dono andati alla stampa su film, 3 su carta/cartoncino e 2 a quella su cartone ondulato. Uso combinato e uso creativo hanno completato il novero dei premi in lizza durante la serata. La Toppazzini si è aggiudicata il primo posto in classifica nella categoria ‘Post print cartone ondulato patinato’. In quanto vincitrice della propria categoria l’azienda sandanielese è ora candidata d’ufficio ai prossimi FTA Europe Diamond Award previsti nel 2020 all’interno del salone internazionale Drupa alla Fiera di Dusseldorf. L’azienda sandanielese, che da oltre 60 anni produce e commercializza imballaggi in cartone ondulato, è divenuta, al giorno d’oggi, uno dei leader del Nord-Est italiano nel proprio mercato di riferimento.  Tutto nacque nel 1955 per volontà e intuito di Antonio Toppazzini il quale intraprese l’attività di imballo come elemento di protezione del prodotto per le nascenti aziende locali, ma anche come uno strumento di promozione del proprio marchio. L’impresa, nel corso degli anni, si è distinta per la dinamicità e flessibilità alla richieste del mercato: da qui, anche, l’ampliamento dello scatolificio con conseguente introduzione, negli anni ’80, di una prima linea per la produzione del cartone ondulato. Tale investimento fu fondamentale poiché permise alla Toppazzini Spa di verticalizzare il suo processo produttivo, di incrementare la propria capacità produttiva realizzando importanti economie di scala e di svincolarsi dalle dinamiche dei fornitori esterni. Obiettivi importanti raggiunti dall’azienda vedono quest’ultima essere il fornitore più importante di imballaggi in cartone ondulato per lo stabilimento del Nord Italia di uno dei più grossi produttori di birra italiano. Dal 2013 ha ottenuto anche la qualifica di “Nominated Supplier” da parte di uno dei maggiori al mondo fra i produttori di mobili e forniture per la casa. Inoltre, va menzionata l’acquisizione di nuove quote di mercato, specialmente nel Triveneto, da dove l’azienda sandanielese è partita ad interfacciarsi con il proprio business: industrie dei mobili, elettrodomestici, metalmeccanico, plastica, food&bevarage, in particolar modo prosciuttifici e settori vitivinicoli. L’importante crescita che sta registrando la Toppazzini Spa è confermata anche dai numeri. Per l’anno corrente, la Toppazzini Spa prevede di superare la produzione di 100 milioni di metri quadrati di cartone: produzione che per oltre il 95% è destinata a soddisfare le esigenze produttive interne, mentre il restante 5% è dedicato alla vendita a clienti. Anche il fatturato risulta avere un trend crescente, per il 2018 si punta a oltrepassare i 50 milioni di Euro (+25% rispetto al 2017), con trend in costante crescita nei prossimi anni. Del resto, la Toppazzini vuole guardare avanti: ci sono tante nuove sfide all’orizzonte tra cui gli importanti progetti di ampliamento della capacità produttiva e degli spazi logistici.

Potrebbero interessarti anche...