Museo Civiltà del Vino, nominata la Commissione di gestione e di vigilanza

Il Museo della Civiltà del Vino di Buttrio, Centro di documentazione e Laboratorio di ricerca, da oggi ha una Commissione di gestione e di vigilanza che resterà in carica per il prossimo quinquennio. “La sua costituzione – commenta l’assessore alla Promozione Turistica e Città del Vino, Tiziano Venturini - è importante per il contributo che darà al progetto che stiamo portando avanti per l’allestimento del museo”. I due componenti di nomina consiliare chiamati a far parte della Commissione sono un rappresentante della maggioranza, Lucia Lorusso, e uno della minoranza, Giorgio Sincerotto. La giunta comunale ha indicato Mauro Pascolini di Cividale del Friuli, professore ordinario di Geografia al Dipartimento di Lingue e letterature, comunicazione, formazione e società dell’Università di Udine, le cui conoscenze e attitudini sono state ritenute idonee (è stato delegato del Rettore per il progetto Cantiere Friuli) per la nomina a Direttore del Museo. Sono stati proposti come esperti da nominare Veronica Tomasettig e Luca Zamparo, entrambi con specifiche competenze ed esperienza nel settore. La Pro Loco Buri, come indicato dal regolamento, ha comunicato come proprio rappresentante da nominare il nome di Valter Pezzarini, socio della Pro Loco Buri e presidente dell’associazione delle Pro Loco del Friuli Venezia Giulia.

Museo Civiltà del Vino del FVG: Cercasi foto dei cittadini

Il Museo della Civiltà del Vino del FVG, assieme al Parco di Villa di Toppo-Florio, rappresenterà un polo culturale incentrato su agricoltura, vino, arte, archeologia, tradizioni popolari, e ospiterà attività didattiche, formative e di ricerca in collaborazione con i principali enti del territorio. La progettazione dell’allestimento - che comprende tra l’altro una sala polifunzionale che ospiterà incontri a tema, presentazioni di libri, degustazioni guidate - è in corso, e prevede la partecipazione dei cittadini di Buttrio. Tramite il notiziario comunale, infatti, l’assessore Tiziano Venturini ha chiesto la collaborazione alla popolazione per arricchire la raccolta di foto storiche legate al mondo del vino, con lo scopo di integrare il patrimonio già esistente ed esporre le più significative al Museo. “La collezione di oggetti che saranno in parte utilizzati è stata donata da Geremia Nonini, che con grande capacità e passione ha dato la possibilità al Comune di Buttrio di aprire il museo - informa Venturini -. L’obiettivo è anche quello di istituire una fondazione per la gestione complessiva di Villa di Toppo Florio e del suo comprensorio, ritenendo questo lo strumento più adatto oggi per gestire un patrimonio così importante è strategico per Buttrio, consentendo anche al privato di partecipare”.