Omicidio nella notte in Friuli, uccisa a coltellate una donna di 34 anni a Roveredo in Piano

Nelle nottata, a Roveredo in Piano in provincia di Pordenone  una  donna 32enne è stata uccisa dal compagno convivente con numerose coltellate inferte al collo.  L'uomo Giuseppe Forciniti, 33 anni, subito dopo aver presumibilmente compiuto l'orrendo delitto ha tentato una sorta di depistaggio, si è infatti  recato in Questura a Pordenone  con le mani ancora sporche di sangue. Si è presentato negli uffici poco prima dell'una dichiarando all’agente di turno che nella sua abitazione aveva scoperto un ladro con i quali aveva ingaggiato una colluttazione. Ma la versione non ha convinto la polizia che chiedendo conto del sangue di cui il  33enne aveva le mani   macchiate. A quel punto l'uomo, 33 anni di professione infermmiere, ha ammesso dia ver avuto un litigio con la compagna. a quel punto due volanti si sono recate nell'abitazione trovando il corpo senza vita della donna in camera da letto con ferite da arma da taglio al collo. Sul posto è quindi intervenuto il Pubblico Ministero di turno, Federico Facchin, assieme al personale della Polizia Scientifica per i primi rilievi e al medico legale dell’Istituto di Medicina Legale di Pordenone. Il 33enne, alla luce degli indizi emersi, è stato arrestato con l'accusa di  omicidio volontario pluriaggravato. L’abitazione della coppia è stata posta sotto sequestro per ulteriori accertamenti per ricostruire la scena del crimine.