“Parliamo di casa loro, Africa senza stereotipi”, svolto il primo incontro sul tema: “Le guerre africane come vengono raccontate”

Si è svolta ieri  mercoledì 27 giugno nell'ambito dell'iniziativa “Parliamo di casa loro, Africa senza stereotipi” il primo di quattro incontri che avranno termine  sabato prossimo 30 giugno.  La prima iniziativa si è svolta presso la BIBLIOTECA DELL'AFRICA. Una interessante tavola rotonda dal titolo “Le guerre africane come vengono raccontate” che ha visto protagonisti  Jean Leonard Touadi e Daniele Bellocchio giornalista e reporter di guerra che hanno risposta alle sollecitazioni giunte dal numeroso pubblico anche sopo la proiezione del reportage: • Mwavita nata in tempo di guerra.
Udine  in questa quattro giorni di eventi ospiterà tra i più importanti reporter e giornalisti che scrivono e raccontano il continente africano o che si occupano di diritti civili. Saranno infatti presenti: Jean Leonard Touadi, Daniele Bellocchio, Gianfranco Belgrano, Raffaello Zordan, Genevieve Makaping, Raffaele Masto, Sebastian Ruiz, Marco Trovato e Fabiana Martini.   Ad organizzare gli eventi l’associazione Time For Africa in collaborazione con il Forum Regionale delle Diaspore che raggruppa 15 associazioni di migranti africani, l’Associazione culturale “il Quotidiano Nuovo” con la collaborazione, fra gli altri, di Assostampa FVG e Ordine dei Giornalisti Fvg.
Questo il profilo dei partecipanti all'evento di mercoledì 27 Giugno
Jean-Léonard Touadi (Brazzaville, 25 gennaio 1959) è un politico, accademico, scrittore e giornalista italiano, originario della Repubblica del Congo.Laureato in filosofia alla Pontificia Università Gregoriana di Roma, e in giornalismo e scienze politiche alla LUISS. Dopo aver insegnato Filosofia e Religione in vari Istituti Secondari di Roma, ha insegnato all'Università di Bologna, all'Università degli Studi di Milano e ora Università degli Studi di Roma "Tor Vergata". Dal 1997 ha collaborato con la Rai come autore e conduttore di programmi radiofonici e televisivi: Permesso di soggiorno (Radio Uno); Un mondo a colori (Rai Educational-Raidue) e C'era una volta (Rai Tre). Insieme alla collaborazione con la Rai, è autore di numerosi articoli e monografie sui temi dei rapporti Nord-Sud, dell'Africa, dell'immigrazione e dell'intercultura. Collabora con la storica rivista dei Padri Comboniani specializzata in questioni africane "Nigrizia"; ha scritto per la Rivista "Limes" e "Aspenia" su questioni riguardanti la storia, la geopolitica e l'economia africana.
Daniele Bellocchio, classe’89, giornalista lodigiano free-lance. Laureato in Storia all’Università degli Studi di Milano, collabora con diverse testate tra le quali l’Espresso, Il Giornale, il Giorno e Africa. Dal 2012 ad oggi ha seguito i conflitti in Somalia, Congo, Nigeria, Sudan, la rinascita di Haiti a cinque anni dal terremoto, ha realizzato reportage ad Exarchia, il quartiere anarchico di Atene, ho coperto il conflitto in Repubblica Centrafricana. Nel  2015 a Mogadiscio per descrivere la realtà di un Paese in bilico tra una guerra infinita e la volontà di cambiamento. I servizi, quasi tutti realizzati in tandem col fotografo Marco Gualazzini, sono stati pubblicati da diverse testate italiane e straniere, tra le quali: Espresso, IlGiornale, Gli Occhi della Guerra, Paris Match, SportWeek, Africa, Nigrizia, ilReportage. I reportage dalla Somalia, dal Congo, dalla Nigeria , dal Sudan e dalla Grecia hanno vinto i premi giornalistici “Fogli di viaggio, sulle orme di Tiziano Terzani 2012”, “Natale Ucsi- Targa Athesis 2013”, il premio internazionale di giornalismo “Giornalisti del Mediterraneo 2014- Sezione Minori nei conflitti di guerra”, il premio “Giuseppe De Carli- Sezione giovani 2014” , il premio “ Tonino Carino- Sezione giornalismo territoriale 2014”.e la menzione speciale al premio di scrittura ”Indro Montanelli 2015”. Nel 2013 ha realizzato l’ebook pubblicato da Mondadori “Viaggio al centro della guerra”, che racconta l’esperienza a Mogadiscio e in Nord Kivu.