Pegorer (Liberi e Uguali): voto nazionale alle liste “autonomiste” sarà voto disperso e controproducente

Nel corso di un incontro a San Vito al Tagliamento, Carlo Pegorer, candidato alla Camera dei Deputati per Liberi e Uguali, è tornato sulla questione della specialità regionale: “In questi giorni i movimenti autonomisti regionali uniti in un’unica lista per il Parlamento dichiarano il loro impegno per la difesa della specialità del Friuli Venezia Giulia. È bene essere chiari e realisti – sottolinea Pegorer – con questa pessima legge elettorale nessuna lista autonomista ha la ben che minima possibilità di eleggere qualcuno e i voti andrebbero dispersi a tutto vantaggio di chi vuole sopprimere la nostra specialità. I capi del Pd renziano in diverse occasioni non hanno fatto mistero di non apprezzare la nostra autonomia; la destra, poi, è da sempre centralista e si fa comandare da Roma o da Milano, quindi – ribadisce il candidato di Liberi e Uguali – chi ha a cuore l’autonomia speciale del Friuli Venezia Giulia deve rivolgersi alla lista di Liberi e Uguali i cui candidati hanno delle concrete possibilità di elezione, impedendo così , proprio per i meccanismi di questa legge elettorale a firma Renzi-Verdini, di mandare a Roma esponenti della destra centralista e nazionalista”. Precisa infine Pegorer: “il 5 marzo si vota per il Parlamento, le elezioni regionali verranno dopo, e con questo sistema elettorale votare per Liberi e Uguali è l’unico modo concreto per dare voce all’autonomismo regionale e difendere e valorizzare la nostra specialità”.

Potrebbero interessarti anche...