Pene per Masarotti e Barei, 4 e 3 anni e mezzo a testa

Dopo i tre anni di indagini portate avanti dalla Guardia di Finanza, è arrivata dal Tribunale di Udine la sentenza di condanna per Giovanni Masarotti, imprenditore manzanese del settore della sedia. La pena è di quattro anni: insieme a lui è stato anche condannato, a tre anni e mezzo, Stefano Barei, ex commercialista di Udine.
Sono state tutte assoluzioni quelle per gli altri accusati. Nessuno di loro è residente in Friuli Venezia Giulia: si tratta di Brunello Menicucci, Alessandro Porcari, Stefano, Andrea e Riccardo Mastagni e Roberto Romiti. I sei erano tutti coinvolti in quanto amministratori, a vario titolo, di società che sono legate a Giovanni Masarotti. Società che sono state dichiarate fallite.
Masarotti era stato arrestato mentre si trovava all’aeroporto Tessera di Venezia, mentre il fallimento delle sue aziende è ammontato complessivamente ad otto milioni di euro.
A Masarotti e Barei, i due condannati, da ora non sarà possibile l’esercizio dell’impresa commerciale, così come non potranno esercitare uffici direttivi d’impresa per i prossimi dieci anni, oltre ad essere interdetti da tutti i pubblici uffici per cinque anni.
Il pubblico ministero Barbara Loffredo aveva chiesto condanne più pesanti per tutti gli imputati presenti al processo: le pene totali che erano state chieste superavano infatti i 40 anni di carcere.
Arrivata oggi la sentenza di primo grado, gli avvocati di Giovanni Masarotti, Luigi Francesco Rossi e Federica Tosel, e quello di Stefano Barei, Paolo Viezzi, hanno già fatto sapere che faranno ricorso alla corte d’appello. Ci vorrà quindi dell’altro tempo per avere conferma di questa verità giudiziaria.

Potrebbero interessarti anche...