Polifonico s. Antonio Abate di Cordenons. Itinerari sonori Let’s sing Bach

Una giornata tra musica, arte, storia ed enogastronomia da passare alla scoperta di Cividale, Spessa e Manzano, deliziata dagli splendidi vini del Collio e dalle voci del Coro polifonico s. Antonio Abate. Questo il programma di Itinerari sonori - Let’ s sing Bach (progetto realizzato col sostegno di Regione e Fondazione Friuli) per il 25 giugno che avrà il suo clou con il concerto alle 16 nell'Abbazia di Rosazzo. L’ensemble, diretto da Monica Malachin avrà l'accompagnamento strumentale di Elisabetta Tonizzo (organo), Anna Molaro (violoncello barocco), Nicola Mansutti e Monica Cordaz (violino). All’interno del complesso abbaziale, cominciando dal chiostro per terminare all'interno della chiesa celebre per la sua acustica e per il giardino di rose, il coro e la sua ensemble daranno vita a una sorta di concerto itinerante tra brani di compositori europei romantici e contemporanei, per terminare in un'apoteosi barocca dominata da Bach e Monteverdi secondo il progetto Let’s sing Bach. In particolare per Virga Jesse floruit, dal Magnificat di Bach, interverranno anche due solisti: il basso Pierluigi Manzoni e la soprano: Chiara Segato. Quattro corali di Bach sul tema della resurrezione e della gloria di Dio e tre mottetti di Claudio Monteverdi, andranno a sottolineare il parallelismo tra il compositore della prima parte del seicento e Bach compositore della seconda parte del seicento. Un’ altra simmetria andrà a crearsi o tra il Beatus Vir di Claudio Monteverdi, esempio di cori battenti nello stile veneziano, e il Komm Jesu Komm a doppio coro, sempre battente di Bach. Glòi strumenti barocchi utilizzati creeranno un colore brunito, rievocando il gusto musicale tipico dell'era seicentesca.

Potrebbero interessarti anche...