Rapina all’ufficio postale di Tricesimo. Un bandito solitario ha legato 10 persone fra impiegati e clienti

Rapina nel tardo pomeriggio di oggi all'ufficio postale di Tricesimo. Un uomo, volto scoperto, ma  con una pistola in pugno ha minacciato i clienti presenti in quel momento, poi ne ha immobilizzato una decina tra addetti e clienti, usando del nastro adesivo e alla fine ha svutato la cassa, un magro bottino di 500 euro. E' accaduto all'Ufficio Postale di Tricesimo poco prima delle 19, in via Diaz, nel pieno centro del paese. L'uomo è entrato in posta con il volto scoperto e un cappellino in testa. In mano la pistola
Sul posto sono giunti i carabinieri della locale stazione presto raggiunti dai colleghi della sezione rilievi del Comando provinciale e da personale della polizia di Stato. In tutto l’hinterland udinese sono stati istituiti posti di blocco, è scattata una vera e propria caccia all'uomo ma del bandito nessuna traccia. Gli investigatori oltre ad interrogare i presenti, ovviamente molto spaventati, stanno esaminando le immagini delle telecamere acquisendo anche quelle presenti in zona. La rapina solitaria è inusuale in quanto l'uomo non si è fatto scrupolo di legare i polsi ad una decina di persone e li ha indirizzati sul retro dell’ufficio postale dove non esiste uscita in modo da potersi muovere indisturbato dedicandosi alle casse. L’azione è stata veloce, professionale, se così si può dire. Non è il primo episodio di rapina agli uffici postali nell'udinese.