Il riparto dei fondi per i Comuni, stabiliti insieme i relativi criteri

La Giunta regionale ha approvato, in via preliminare, il Regolamento per la determinazione dei criteri e delle modalità per l'assegnazione della quota di perequazione del Fondo ordinario transitorio comunale per l'anno 2016. Adesso il provvedimento verrà trasmesso al Consiglio delle Autonomie Locali (CAL) che dovrà esprimere il suo parere in proposito. «La quota di perequazione del Fondo ordinario transitorio a favore dei Comuni ammonta a circa 28,5 milioni di euro - ha illustrato Panontin - ed è ripartita e assegnata a favore di tutti i Comuni in base al Regolamento approvato oggi in via preliminare dalla Giunta».
Tra i criteri adottati, oltre a quello della popolosità, quello sulla presenza sul territorio comunale di over  65 e o di under  14 e territoriali (le zone montane), ma anche economico-occupazionali, quali il tasso di disoccupazione, «È orientato al benessere equo e sostenibile perché punta a determinare la redistribuzione delle risorse tra i Comuni in modo mirato rispetto alle peculiarità di ciascuno». Secondo l’ assessore: «Tali criteri sono stati stabiliti e approvati assieme ai Comuni». Nello specifico, il 26% viene dato in proporzione alla popolazione residente; il 7% a favore dei Comuni montani; il 15% ai Comuni che hanno un tasso di disoccupazione superiore alla media regionale (7,4%).

Potrebbero interessarti anche...