Ritorna la Fiera di Santa Giustina a Palmanova un fine settimana di Enogastronomia, mercatini e Luna Park

Ritorna, dopo un anno di stop, la tradizionale Fiera di Santa Giustina a Palmanova. Un fine settimana tra enogastronomia, mercatini di hobbistica e le giostre del Luna Park. Un evento che si ripete da anni nella città stellata in occasione dei festeggiamenti della patrona, Santa Giustina. “Saranno quattro giorni di festa e celebrazioni in città. Giorni dedicati alla nostra patrona, giorni che vedranno Palmanova vestirsi a festa e riempiendosi di sapori e persone, nel rispetto delle normative anticontagio. Nonostante le limitazioni del momento e grazie ai grandi spazi a disposizione, cercheremo di tornare più possibile alla normalità della Festa”, commenta il neo Sindaco Giuseppe Tellini. Infatti domani, giovedì 7 ottobre alle ore 18 all’interno del Duomo Dogale, è prevista la celebrazione del Te Deum di Ringraziamento e della Santa Messa in abito storico per la Festa della Compatrona S. Giustina e del 428° Anniversario di Fondazione della Città Fortezza. Particolare attenzione sarà anche rivolta al “Ricordo della battaglia di Lepanto” per i 450 anni dell’evento. Quest’anno, eccezionalmente, saranno presenti una rapprentanza dell’Ordine di Malta con la presenza di cavalieri e dame in abito da chiesa. Venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 ottobre, dalle ore 10 alle 21.30, in Piazza Grande e nei primi tratti dei Borghi, saranno allestiti punti enogastronomici, bancarelle hobbistiche, mercatini e le giostre del Luna Park. L’evento è organizzato dalla Proloco ProPalma assieme al Comune di Palmanova. Ad arricchiere il fine settimana, eventi dedicati alla cultura, alla musica e allo sport. Giovedì 7 ottobre alle 20.45 al Teatro “G. Modena”, la proiezione dell’opera “Giorgio Mainerio, un misteri furlan”, progetto di Marco Maria Tosolini, a cura della Ass.“Musicologi” in collaborazione con il Comune di Palmanova, ARLEF e Ass. Mittelfest. Sabato 9 ottobre alle 18 nella Polveriera Garzoni, il “Premio letterario nazionale Palma storia”, con la cerimonia di premiazione. Incontro con Sergia Adamo, “Dove finisce la Storia e dove iniziano le storie? Degli intrecci tra fatti, finzioni e narrazioni”, a cura dell'Ass. Culturale LiberMente APS. Poco dopo, sempre sabato 9 ottobre, ore 20.45 nel Duomo Dogale, il concerto di gala del Dorelab festival 2021: FVG Orchestra con Paolo Paroni (direttore), Paolo Pollastri e Enrico Cossio (oboi), Andrea Bressan (fagotto). Musiche di Cambini, Kodaly. Con Anciuti Music festival. Ingresso libero. Prenotazione obbligatoria: dorelabfestival@gmail.com.  Domenica 10 ottobre, ore 8.30 da Piazza Grande, la partenza della 36° Palmalonga con distanze da 6 km e 12 km. Infine domenica 10 ottobre, ore 17 nella Polveriera Garzoni, ancora “Dorelab festival 2021”, concerto conclusivo con docenti e allievi della masterclass di oboe e fagotto. Musiche di Bach, Telemann, Couperin. Ingresso libero. Prenotazione obbligatoria: dorelabfestival@gmail.com

L’accesso a tutti gli eventi è concesso con il possesso di una certificazione verde covid (greenpass) e nel rispetto delle normative nazionali in materia.