Salute: Riccardi, torna nei cantieri. Lavori nuovo ospedale Udine e poi negli altri due hub di Trieste e Pordenone

Che il forzista Riccardo Riccardi sia particolarmente affezionato ai cantieri delle opere pubbliche è cosa risaputa, tanto che non è stato certo contento quando il neo governatore Fedriga gli ha negato il suo incarico preferito alle infrastrutture incaricando il leghista Graziano Pizzimenti. Insomma per Riccardi niente ritorno al passato e si è dovuto "accontentare" della salute con il più il contentino della Protezione Civile. Così non meraviglia il fatto che fra i primi atti del neo assessore alla salute vi sia stata la visita al cantiere in via di ultimazione delle opere propedeutiche del terzo e quarto lotto del nuovo ospedale di Udine. Del resto tra pochi giorni verrà depositato in Regione il progetto esecutivo strutturale del padiglione 15 i cui lavori saranno conclusi in tre anni e di cui Riccardi pregusta già la possibilità del taglio del nastro. Ad assicurare al vicegovernatore della Regione Riccardo Riccardi, che i lavori stanno procedendo spediti e secondo cronoprogramma è stato il direttore generale dell'Azienda sanitaria universitaria integrata di Udine (Asuiud), Mauro Delendi, che ha accompagnato il neo assessore nel sopralluogo al cantiere assieme al responsabile Grandi opere Asuiud, Ermes Greatti.

Terminate le indagini relative alla bonifica bellica, spostata la linea adduttrice dell'acquedotto, realizzati gli scavi del tracciato del canale San Gottardo, si stanno concludendo le opere propedeutiche realizzate dal raggruppamento temporaneo di imprese Grandi Lavori Fincosit spa, Milani Giovanni srl, Panzeri spa. La nuova struttura ospedaliera sorgerà adiacente al primo e secondo lotto con 56mila metri quadri di nuove superfici.

"Il nuovo padiglione - ha evidenziato Riccardi - consentirà il riposizionamento del nuovo pronto soccorso e, cosa molto importante, consentirà di avere sulla copertura dell'edificio la superficie dell'elisoccorso abilitata anche al volo notturno. Ho potuto inoltre verificare che il nuovo accesso all'ospedale permetterà di resistere bene alla viabilità di carico secondo quanto registrano le simulazioni effettuate finora".

Il quadro economico dell'opera è pari a 92 milioni di euro, di cui 61 destinati alle opere. Grazie all'ultimo finanziamento di 10 milioni di euro stanziato dalla Regione a fine 2017, viene garantita la copertura completa del nuovo padiglione orientato sul versante di via Chiusaforte.

"Motivo di orgoglio è che le coperture per questo investimento derivano anche dalla precedente legislatura, quindi si tratta di un lavoro programmato che continua oggi", ha ricordato Riccardi, che dopo questa prima visita ha in agenda nei prossimi giorni i sopralluoghi negli altri due hub di Trieste e Pordenone.

"Nei tre poli ospedalieri di Udine, Trieste e Pordenone sono previsti investimenti che si attestano su 600 milioni di euro, buona parte dei quali stanziati dalla precedente Giunta regionale di centrodestra. Un programma importante per dare risposte e servizi migliori ai cittadini", ha concluso Riccardi.

Potrebbero interessarti anche...