Sanità Fvg: Spitaleri, 20mila operatori ostaggio dei “commissari”

Esperto predicatore del bene e razzolatore del male, l'Assessore Riccardo Riccardi ha imposto al suo ddl una corsia accelerata con audizioni sincopate dei soggetti interessati, perché vuole far approvare la legge in meno di venti giorni. Perché tanta fretta per una legge che non è una riforma ma un'operazione estetica o al massimo di brutta cartografia? Perché serve soprattutto a liberare o a creare poltrone per gli amici. Intanto la gran parte dei ventimila operatori del mondo della salute viene lasciata nell'incertezza e, privata di ogni atto di programmazione, si prepara a cambiare procedure e riferimenti e a diventare ostaggio dei nuovi commissari”. Così il segretario regionale del Pd Fvg Salvatore Spitaleri, in merito all'iter legislativo della riforma della sanità Fvg, attuata dall'assessore regionale Riccardo Riccardi. Un pessimo modo – conclude Spitaleri - per celebrare i 40 anni dalla legge 833/1978 istitutiva del Servizio sanitario nazionale”.

Potrebbero interessarti anche...