Sciopero alla Dm Elektron di Buja. L’azienda sposta le macchine in Romania dicendo che in Friuli dovrebbero arrivare nuove linee produttive

Temono la delocalizzazione i lavoratori Dm Elektron di Buja. dopo che l'impresa ha acquisito uno stabilimento in Romania e sta spostando lì i macchinari. Una preoccupazione ben motivata per i 130 lavoratori della azienda di Buja, così oggi i lavoratori hanno incrociato le braccia per 8 ore per uno sciopero indetto da Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm. Si chiedono rassicurazioni all'azienda sul futuro dello stabilimento friulano. Fonti aziendali avrebbero detto che a Buja dovrebbero arrivare nuove linee produttive, ma per ora c'è solo un progressivo svuotamento dello stabilimento - spiega Fabiano Venuti della Fim-Cisl - e non è mai stato presentato un piano industriale. Fra l'altro è ovvio che non si può cambiare linea produttiva dall'oggi al domani. Il timore - per il sindacalista - è che sia solo una promessa che illude i lavoratori mentre i macchinari che finora permettono l'attività industriale a Buia vengono caricati sui camion e spediti in Romania. Non sarebbe ala prima volta che, approfittando anche della pausa natalizia aziende con pochi scrupoli fanno partire procedure di licenziamento collettivo. Speriamo non sia il caso della Dm Elektron.

Potrebbero interessarti anche...