Scuolabus: assessore Callari, Regione convoca ditta Tundo su disservizi

La Regione convocherà venerdì 2 ottobre a Udine i responsabili della Tundo di Lecce, la ditta pugliese vincitrice della gara d'appalto aggiudicata attraverso la Centrale unica di committenza (Cuc) che a tutt'oggi non ha ancora attivato i servizi di trasporto scolastico nei Comuni di Lignano, Latisana, Pocenia, Muzzana del Turgnano, Treppo Grande, Cassacco, Tarcento e Campoformido, recando un grave disservizio alle comunità locali.

Lo ha annunciato l'assessore regionale al Patrimonio, demanio, servizi generali e sistemi informativi Sebastiano Callari nel corso di una riunione in videoconferenza in cui ha confermato "l'impegno e il pieno supporto della Regione ai Comuni ancora privi del servizio".

"Nella riunione odierna - ha aggiunto Callari - abbiamo chiesto ai Comuni di fornirci in tempi rapidi informazioni dettagliate circa le inadempienze sin qui registrate, che riguardano la documentazione incompleta sinora prodotta dalla ditta e senza la quale l'attività non può prendere il via, la mancata fornitura di scuolabus e l'assenza di autisti. Tutte violazioni in base alle quali la Regione avvierà una contestazione generale sui lotti di gara, affiancando così e rafforzando le azioni già intraprese dalle amministrazioni municipali di fronte alla palese violazione degli accordi contrattuali".

"L'incontro del 2 ottobre, aperto ai sindaci dei territori interessati - ha concluso l'assessore -, servirà per evidenziare le inadempienze e tracciare un percorso condiviso che, in tempi e modalità concordate, consenta di avviare questa attività essenziale per la comunità, fermo restando che per il mancato rispetto dei termini concordati in gara dovranno essere accertate le responsabilità della ditta e quantificati i danni e i disagi registrati in concomitanza con l'avvio dell'anno scolastico".

A rischio il trasporto scolastico. Patto per l’Autonomia: «Un disastro annunciato. La responsabilità è tutta della Giunta Fedriga» affidato a una ditta di Lecce