Si è costituita ai carabinieri la “pirata” della strada che ha investito il bimbo di Gemona. E’ una 80enne del luogo

Caccia al pirata della strada finita. Si è costituita infatti ieri pomeriggio al Comando provinciale dei carabinieri di Udine una donna di 80 anni  che ha dichiarato di aver investito il bimbo di 4 anni nella giornata di Natale a Gemona del Friuli, lungo la strada statale 13 Pontebbana. La notizia è stata resa nota dal comandate provinciale dell’arma, colonnello Marco Zearo, oggi, mercoledì 28 dicembre, a sorpresa in occasione della conferenza stampa di fine anno. da quanto emerso la donna, di 80 anni, residente nel gemonese è stata  accompagnata dal suo avvocato, ed ha spiegato di essersi vista all’improvviso sbucare fuori il bimbo dal parcheggio e di non essere riuscita a evitarlo. Nessun suv scuro ma  una Volkswagen Polo. La donna avrebbe raccontato  ai militari di essersi inizialmente fermata, spaventatissima, e poi di essere ripartita presa dal panico. Si è detta costernata e mortificata per l'accaduto e pentita del suo comportamento.  L'anziana è stata denunciata a piede libero per lesioni e omissione di soccorso. Da una ricostruzione dell'accaduto e sulla base all’entità delle lesioni riportate dal bimbo, hanno spiegato i carabinieri,  si è appurato che la donna stava procedendo a velocità moderata e nonostante questo non è riuscita ad evitare il bimbo. E' probabile che l'età avanzata della guidatrice possa avere avuto un ruolo come il fatto che il bimbo non era al margine della strada ma stava probabilmente attraversando poto essere sfuggito al controllo dei genitori.

Potrebbero interessarti anche...