Sinistra Italiana in piazza con Cgil e Uil contro sfruttamento e disuguaglianze

Sinistra Italiana è l’unica forza parlamentare al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori che rinunceranno a un giorno del loro stipendio per partecipare allo sciopero generale di CGIL e UIL indetto per il 16 dicembre, SI sarà presente in tutte le piazze della regione. Lo annuncia in una nota il Segretario regionale Sinistra Italiana Friuli Venezia Giulia Sebastiano Badin. "Sinistra Italiana, si legge nel comunicato,  lotta per salari più alti per i lavoratori: non è possibile che negli ultimi 30 anni in tutta Europa i salari si siano alzati e solamente l’Italia faccia eccezione. La manovra del cosiddetto governo dei migliori non prevede nessuna redistribuzione, nulla sul salario minimo, le tasse si riducono per lo più a chi guadagna due tre volte la media nazionale, nessuno sforzo sulle pensioni. I giovani rimangono imprigionati da contratti precari, false partite iva, tirocini gratuiti e salari bassissimi. A questa incertezza economica si somma la tragedia delle morti bianche: sono già più di mille i morti sul lavoro nel 2021, una strage che continua in un silenzio assordante. Secondo l’OCSE siamo diventati il paese europeo in cui i salari sono cresciuti meno, l’orario di lavoro è più lungo e si va in pensione più tardi. La ripresa è solo sulla carta: sfruttamento e disuguaglianze aumentano ogni giorno di più. Per questi motivi Sinistra Italiana sarà presente nelle piazze del Friuli Venezia Giulia insieme a CGIL e UIL per chiedere più giustizia sociale. È tempo di rivendicare i propri diritti calpestati ogni giorno".