Il sipario si apre sui… Piccoli palchi

piccolipalchi-16-17_atupertuÈ stata presentata oggi XI edizione di "Piccolipalchi", la rassegna teatrale per le famiglie curata dall’Ente Regionale Teatrale. A presentare il cartellone 2016/2017, il presidente dell’Ert Alessandro Malcangi, il direttore Renato Manzoni e le curatrici della rassegna Silvia Colle e Lucia Vinzi.

Sono intervenuti, inoltre, Lionello D’Agostini, presidente della Fondazione Crup, ente sostenitore della rassegna, Raffaella Basana, assessore all’Educazione del Comune di Udine, e i rappresentanti della cooperativa Damatrà e dell’Associazione 0432 che collaborano con l’Ert.
Il cartellone 2016/17 conta 17 spettacoli per complessivi 22 appuntamenti in 10 Comuni della regione: tra novembre 2016 e febbraio 2017 la rassegna toccherà Artegna, Codroipo, Grado, Latisana, Lestizza, Monfalcone, Pontebba, San Daniele del Friuli, San Vito al Tagliamento, Tolmezzo.
Lo slogan di questa edizione – atupertù – rimanda ad aspetti quali la vicinanza e la condivisione, elementi costitutivi dello spettacolo dal vivo e ancor più rilevanti quando l’esperienza teatrale coinvolge adulti e bambini insieme: gli adulti infatti sono i primi promotori dell’avvicinamento dei più piccoli ai linguaggi artistici ed espressivi intesi come forma di conoscenza e di relazione con gli altri e il mondo.
Il programma di Piccolipalchi 2016/2017 è articolato in appuntamenti di prosa, musica, danza che aiutano il pubblico ad orientare il proprio viaggio fra le arti dello spettacolo dal vivo. Il cartellone è un’accurata selezione di alcune delle migliori produzioni nazionali all’interno della quale un’attenzione particolare è riservata agli spettacoli dedicati ai bambini piccolissimi tra i 12 e i 36 mesi, una peculiarità questa che distingue Piccolipalchi da rassegne analoghe.
Entrando nel dettaglio del cartellone, la danza sarà rappresentata principalmente dalla compagnia Arearea di Udine con la riproposta dello spettacolo Ballata, ispirato a Corto Maltese. Il gatto con gli stivali della Compagnia di Danza Simona Bucci offrirà la sua personale visione della fiaba e avremo modo di immergerci nella poetica storia de Il paese senza parole della compagnia Rosso Teatro, recente vincitrice proprio con questo spettacolo della prima edizione di InBox Verde.
Per la musica il cartellone propone spettacoli molto vicini a veri e propri concerti: Ma che musica! dell’Associazione Italiana Gordon per l’Apprendimento Musicale sotto la direzione del maestro Andrea Apostoli e con la preziosa collaborazione dei musicisti dell’Accademia d’Archi Arrigoni di San Vito al Tagliamento, e Angry Harps dell’Ensemble Girotondo d’Arpe di Trieste con la direzione di Tatiana Donis. In programma ci sono altri spettacoli dove la musica risulta essere elemento predominante del linguaggio utilizzato ed aspetto drammaturgico fondamentale, a partire da Settestella, realizzato su musiche originali del compositore Azio Corghi, e Piccola Ballata per PEU entrambi proposti dalla compagnia Teatro all’Improvviso; ci sarà poi occasione di ascoltare Pierino, una rilettura multimediale di Pierino e il Lupo di Garraffo Teatro Terra, giovane compagnia siciliana per la prima volta presente in regione.
Non mancheranno gli spettacoli tradizionali, ispirati alle fiabe seppur con delle letture particolari: La bella addormentata nel bosco di Gino Balestrino, Mignolina della compagnia La Piccionaia/I Carrara, Rosso Cappuccetto del Teatro delle Briciole, Storia di un bambino e di un pinguino del Teatro Telaio.
Una menzione speciale va a Little Bang, una storia della nascita dell’universo raccontata anche attraverso le creazioni fatte dai bambini, e a La famosa invasione degli orsi in Sicilia, spettacolo vincitore del Premio del Pubblico nella passata edizione di Piccolipalchi. Una particolare attenzione è rivolta poi ai piccolissimi (12-36 mesi) ai quali sono dedicati Girotondo della compagnia La Baracca/Testoni Ragazzi di Bologna e Cucù, nuova produzione di Ketti Grunchi della compagnia La Piccionaia di Vicenza, che ha realizzato lo studio dello spettacolo anche nei nidi d’infanzia del Comune di Gorizia grazie alla collaborazione con l’Ert-teatroescuola.
Un cenno particolare allo spettacolo Formaelastica della compagnia Molino Rosenkranz di Zoppola a metà strada tra arte visiva e danza.
Ma la rassegna Piccolipalchi non è soltanto spettacoli. Da alcuni anni, infatti, il cartellone si arricchisce di alcune attività collaterali che hanno l’obiettivo di promuovere una partecipazione più consapevole dei bambini e delle loro famiglie, dilatando il tempo dell’esperienza teatrale oltre la durata dello spettacolo, per arrivare a comprendere anche quel prima che è il tempo dell’attesa, e quel dopo che è il tempo della rielaborazione personale.
Il Filobus n° 75 è un autobus speciale (come il filobus del celebre racconto di Rodari) che accompagnerà i bambini e i loro genitori a teatro. Lungo il percorso gli operatori coinvolgeranno i viaggiatori con narrazioni e animazioni ispirate al silent book La gara delle coccinelle di Amy Nielander.
Pedibù. Passo passo da casa tua a teatro proporrà, invece, percorsi guidati a piedi verso il teatro con animazione incentrata sul tema dell’ascolto ed ispirata al libro Prima della prima di Karla Kuskin e Marc Simont. I viaggi Filobus n° 75 e Pedibù sono a cura dell’Associazione culturale 0432 nell’ambito della collaborazione tra l’Ente Regionale Teatrale e Crescere Leggendo, il progetto integrato di promozione della lettura coordinato dalla cooperativa Damatrà. Nei panni degli altri è il tema guida dell’edizione 2016/2017 di CreL e tutte le attività nelle quali si articolerà il progetto quest’anno ruoteranno attorno a temi quali la relazione, l’empatia, la comprensione e il dialogo.
La rassegna si aprirà domenica 20 novembre con lo spettacolo di teatro danza e immagini Ballata della compagnia Arearea in scena alle 17 al Teatro Candoni di Tolmezzo.
Tutto il programma è consultabile al sito
www.ertfvg.it nella sezione dedicata.