Spara contro un gruppo di giovani arrestato pensionato a Monfalcone

Quei giovani che giocavano a calcio sotto casa sua proprio non li sopportava più. E così, ha pensato bene di impugnare la pistola ed esplodere quattro colpi per indurre i ragazzi a interrompere la partita. È l’incredibile vicenda che vede protagonista B.L., pensionato di 66 anni originario di Trieste, arrestato dai carabinieri della Compagnia di Monfalcone con l’accusa di tentato omicidio.
I fatti risalgono a sabato pomeriggio, in zona Marina Julia. Nel cortile di un condominio c’è un gruppetto di giovani tra i 16 e 18 anni che sta giocando a pallone. L’inquilino del primo piano, infastidito dai rumori, si è affacciato al balcone di casa con una pistola automatica “Walther” 7,65 e, dopo aver esploso tre colpi in aria, ha indirizzato il quarto verso gli sventurati calciatori. Evidentemente voleva essere ancora più convincente e ha puntato l’arma verso il cortile, con il proiettile che è caduto a poca distanza da T.P., 18enne residente in zona, sollevando alcune schegge d’asfalto che hanno colpito il ragazzo al costato, fortunatamente senza gravi conseguenze. Tanto è bastato per una  prudenziale chiamata al 112.
Quando, poco dopo le 15.30, i militari dell’Arma hanno raggiunto il luogo con una pattuglia del radiomobile, hanno subito individuato la casa dove erano stati esplosi i colpi. Hanno bussato alla porta di B.L., il quale ha ammesso di aver agito perché stufo degli schiamazzi provenienti dal cortile: voleva indurre, in verità con maniere un po’ rudi, i giovani a interrompere la loro partitella. I carabinieri hanno trovato a terra, vicino al balcone, quattro bossoli.
Da una successiva perquisizione nell’abitazione sono stati rinvenuti, oltre alla pistola utilizzata “a scopo intimidatorio”, anche ulteriori tre pistole, una carabina e due fucili, oltre alle relative munizioni per un totale di 700 colpi. Tutte le armi, detenute legalmente e denunciate alla Questura, sono state poste sotto sequestro. B.L. è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e condotto nel carcere di Gorizia, in attesa dell’udienza di convalida.

Potrebbero interessarti anche...