Stop “maxi-bollette” l’ira delle imprese

La denuncia dell’associazione Cna approda ai palazzi di Roma

La discrasia  crescente tra i consumi effettivi e quelli riportati in bollette ha assunto dimensioni tali per le imprese (e non solo) da “approdare” sul tavolo del ministero dello Sviluppo economico. Il sottosegretario Antonio Gentile, su incarico del ministro Federica Guidi, ha rassicurato le associazioni sulla volontà di risolvere il problema in breve tempo. L’obiettivo dichiarato è quello di convocare una riunione conclusiva entro la metà di marzo.
Bollette pazze. Secondo l’Osservatorio sull’energia della Cna, oltre un quarto delle bollette ricevute da micro e piccole imprese non rispecchia la reale situazione dei consumi tra stime e conguagli. L’associazione denuncia come nei casi più gravi le “bollette pazze” arrivino a compromettere la stessa attività delle imprese. L’associazione artigiana chiede che la pratica dei conguagli e delle stime finisca: «Le imprese non possono vivere nell’incertezza. I nuovi strumenti di misurazione dei consumi, contatori sempre più sofisticati, possono, e devono, evitarlo».
presunzioni. Circa il 20% delle bollette ancora oggi è relativo a un conguaglio e può riguardare anche consumi di cinque anni prima, in quanto la legge concede all’operatore elettrico fino a un lustro di tempo per la contabilizzazione. Nel 6,1% dei casi il consumo è solo stimato. I problemi emergono soprattutto quando l’impresa non si trova di fronte un operatore integrato (distributore e venditore insieme); nel mercato regolato dall’Autorità per l’Energia, infatti, dove il soggetto che fornisce l’elettricità è lo stesso distributore, la quota di bollette emesse sui consumi effettivi sale all’86,6%. La Cna ha sollecitato l’Autorità per l’Energia a realizzare in tempi brevissimi il Sistema informativo integrato, che potrebbe risolvere definitivamente il problema. «Nel frattempo – conclude – è necessario ridurre a non più di due anni la prescrizione e permettere una congrua rateizzazione delle maxi-bollette».
g.s.

Potrebbero interessarti anche...