Superbonus, a Pordenone sportello informativo by M5s

Partirà lunedì 1° febbraio lo sportello informativo sul Superbonus 110%, promosso dal MoVimento 5 Stelle di Pordenone. Il nuovo servizio di orientamento agli incentivi introdotti lo scorso anno dal Decreto Rilancio sta per tagliare il nastro grazie all’impegno degli attivisti locali e al supporto del deputato pentastellato Luca Sut, già in prima linea nei lavori parlamentari sul 110% e primo firmatario di importanti emendamenti per l’ottimizzazione delle misure, volte all’efficientamento energetico e all’adeguamento antisismico degli edifici.

Da lunedì prossimo sarà possibile accedere al modulo per la prenotazione dell’appuntamento, direttamente dal sito del M5S Pordenone (www.pordenone5stelle.it) o dalla sua Pagina Facebook (@pordenone5stelle).
In alternativa, è possibile fissare l’incontro inviando un messaggio al numero dedicato 327 2232029. A rispondere alle richieste sarà la squadra di lavoro degli attivisti, capeggiata dal consigliere regionale Mauro Capozzella che dichiara: “Sono lieto del fatto che i nostri attivisti abbiano accettato questa nuova sfida, figlia dalla grande attenzione suscitata sul territorio dal Superbonus. È fondamentale ora aprire un ulteriore canale di comunicazione sul tema, per aiutare i tanti interessati a orientarsi in una normativa che soggiace a una grande opportunità per il patrimonio immobiliare”.

A supervisionare l’attività dello sportello, il Capogruppo M5S in Commissione Attività produttive di Montecitorio Luca Sut: “Credo fortemente nel potenziale accrescitivo del Superbonus - esordisce il Portavoce M5S - dagli indubbi vantaggi sul piano ambientale, economico e del salto di qualità che produce nella vivibilità degli immobili. Il progetto che stiamo per sviluppare prevede sia lo svolgimento di incontri a distanza, in modalità videocall - aggiunge - che in presenza, presso il nostro Infopoint di Via Beato Odorico 12. In base all’evoluzione del quadro epidemiologico e alla normativa vigente - specifica - valuteremo quale sia la forma forma d’incontro idonea, con l’auspicio di poter quanto prima accogliere il cittadino nella nostra sede di Pordenone. Ovviamente - conclude - in sicurezza e nel pieno rispetto delle disposizioni anti-Covid”.