Tanti i padri divorziati ’nuove povertà’ in Fvg

I frequenti divorzi di questi ultimi due decenni hanno prodotto uno stuolo di padri separati e divorziati, le cui fila hanno finito per creare un nuovo esercito: quello dei “nuovi poveri”. Il fenomeno sta diventando importante anche nella nostra regione e da più parti si inizia a chiedere una nuova legge che li tuteli, dando loro, per esempio, una corsia preferenziale nelle graduatorie Ater.
le cifre. I numeri dell’Istat, aggiornati al 2014, indicano per il Fvg 1.844 separazioni, un dato consistente seppure in lieve calo rispetto all’anno precedente. A fronte di un incremento dei figli nati dall’unione, i dati Istat mostrano il 93,6% di affidamenti condivisi, contro il 4,3% di figli affidati in via esclusiva alla madre e l’1,2% ai padri.
la proposta. Giuseppe Sibau, consigliere regionale di Autonomia responsabile, ha portato oggi in aula una proposta sottoscritta anche dai colleghi di partito Valter Santarossa, Roberto Dipiazza e Roberto Revelant, dal forzista Elio De Anna, da Luca Ciriani di Fratelli d’Italia e dalla leghista Barbara Zilli. «La terza commissione – fa sapere Sibau – non ha calendarizzato la discussione. E allora tiro dritto». Il tentativo, assicura con il conforto dei numeri, «serve a sollevare un problema serio, quello di una fascia di popolazione che vive in una reale situazione di disagio».
In Consiglio sono state presentate anche le proposte di Fi e Lega. A spingere su tale fronte, tre “evidenze statistiche”: il giudice assegni la casa al marito solo una volta su cinque (22,1%) e alla moglie, invece, una volta su due (46,7%); dall’altro che, nelle 759 separazioni con assegni ai figli nel corso del 2014, nel 94,8% dei casi il mantenimento sia stato posto a carico dal padre. Raccolte anche le segnalazioni di alcuni papà che quell’assegno, mediamente di 400 euro mensili, non lo riescono a versare.
La proposta articolata in 9 articoli si intitola: ““Norme per la tutela dei genitori di figli in minore età, separati o divorziati, in situazione di comprovata difficoltà economica” e punta a superare la L. 54/2006 sull’affidamento condiviso, secondo Sibau ormai superata.

Potrebbero interessarti anche...