Tiziano Centis (Cittadini) su decentramento regionale: «reintroduzione delle province non serve, per l’edilizia scolastica basta ente unico»

Si è tenuta oggi 22 settembre  in V Commissione consiliare l’audizione dei commissari degli enti di decentramento regionale sulle attività degli enti. Dopo l’Assessore Roberti, sul tema è intervenuto, si legge in una nota,  anche il Consigliere regionale Tiziano Centis, rappresentante dei Cittadini nella commissione. «Ancora una volta - ha detto Tiziano Centis - si è vista chiaramente la visione debole e tutta ideologica sull’assetto istituzionale della nostra Regione da parte della giunta Fedriga e dell’assessore Roberti. E’ la conferma che la volontà di reintrodurre le Province è un pallino di questa giunta regionale di cui sicuramente i cittadini non sentono il bisogno e che ad oggi servirebbe unicamente per gestire l’edilizia scolastica regionale. La domanda quindi nasce spontanea: serve fare un nuovo livello di governo per gestire l’edilizia scolastica della nostra regione, con tanto di poltrone, costi ed oneri? Non sarebbe più sensato un ente regionale unico? E’ evidente che si sta cercando una strada per giustificare la reintroduzione delle province, forzando la mano in un’operazione che pare rispondere più alle esigenze di uno schieramento politico piuttosto che a quelle dei cittadini e del buon funzionamento delle istituzioni in un'ottica di efficacia, efficienza ed economicità».