Tutte le novità per il distretto Sanitario di Cividale

Facendo il punto sui prossimi obiettivi della sanita del Distretto di Cividale, il direttore generale dell'Azienda Sanitaria Universitaria Integrata (ASUI) di Udine Mario Delendi ha annunciato che dal 1° settembre sarà attivata a Cividale la copertura della seconda ambulanza le domeniche mattina, che da sempre erano servite da un solo mezzo di soccorso; dal 1° novembre sarà estesa alle 12 ore notturne anche la seconda ambulanza di stanza a Cividale, portando quindi la copertura a due mezzi di soccorso sulle 24 ore.

"Appena ultimati gli interventi necessari questo mezzo sarà spostato nella nuova postazione a San Pietro al Natisone, da dove potrà raggiungere in tempi inferiori le zone più disagiate delle Valli del Natisone", ha aggiunto Delendi.

Facendo il punto sui lavori nell'Ospedale di Cividale, è stato ricordato come sia in fase di avvio l'intervento per il ripristino della corretta climatizzazione nelle sale operatorie del presidio di Cividale (300 mila euro) e il completamento della nuova sede della Dialisi nella sede del Distretto di Cividale (100 mila euro), con trasferimento dell'attività previsto entro il primo trimestre 2017.

Sempre a Cividale prosegue, nel settore della Geriatria, il modello operativo tra il Distretto e la Medicina per la presa in carico del paziente fragile e la revisione dei percorsi assistenziali di continuità ospedale / territorio: in particolare, sono già operative la presa in carico precoce da parte del fisioterapista dedicato presso le degenze mediche e la consulenza geriatrico-internistica garantita direttamente in Pronto Soccorso nelle 12 ore diurne.

"Per implementare la continuità assistenziale è stato assegnato al Distretto un fisioterapista aggiuntivo, mentre è in fase di reclutamento una ulteriore unità infermieristica. Si procederà inoltre ad acquisire un medico geriatra al fine di consolidare il progetto", ha reso noto Delendi, aggiungendo che "sono in corso gli approfondimenti per sviluppare una collaborazione con la Scuola di Specializzazione in Geriatria dell'Università di Udine".

Delendi ha infine segnalato che da marzo 2015 è stato attivato anche nelle 12 ore notturne il Centro di salute mentale di Cividale, che svolgeva solo funzioni diurne: l'estensione dell'attività sulle 24 ore ha ridotto in modo significativo i ricoveri di pazienti dell'area Cividalese nel Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cure di Udine (le giornate di degenza si sono dimezzate nel 2015 rispetto al 2014).