Udine: eliminazione delle barriere architettoniche, interrogazione del M5s

Il consigliere comunale pentastellato di Udine Domenico Liano  ha presentato una interrogazione relativa all’adozione del piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche (PEBA) a Udine previsto dalla Legge Finanziaria 1986 e prevista dalla legge regionale FVG.

Questo il testo:

Il sottoscritto
Consigliere comunale
M5s Domenico Liano
RICHIAMATO
l’articolo 32, comma 21, della legge 28 febbraio 1986, n. 41 (Legge finanziaria 1986), secondo il quale per gli edifici pubblici già esistenti non ancora adeguati alle prescrizioni del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1978, numero 384, dovevano essere adottati da parte delle Amministrazioni competenti piani di eliminazione delle barriere architettoniche entro un anno dalla entrata in vigore di suddetta legge;
RICORDATO
che non possono altresì essere erogati dallo Stato o da altri enti pubblici contributi o agevolazioni per la realizzazione di progetti in contrasto con le norme di cui al medesimo decreto; VISTO
che la Regione Friuli Venezia Giulia ex art. 6, comma 4, L.R. 19.3.2018 n. 10 (Principi generali e disposizioni attuative in materia di accessibilità) nella predisposizione di piani, programmi, progetti generali e di settore tiene conto dell’obiettivo del conseguimento del massimo grado di accessibilità dello spazio aperto e dell’ambiente costruito su tutto il territorio della regione, di concerto con le amministrazioni locali. A questo fine deve avviare un progetto di mappatura generale dell’accessibilità avente ad oggetto, prioritariamente, gli edifici pubblici e i percorsi urbani ed extra urbani, da individuarsi a cura dei Comuni, sulla base dell’importanza che gli stessi rivestono in relazione alle comunità territoriali di riferimento; ATTESO
che l’ex l’art. 5, commi 16 e 17, della L.R. 9.8.2018 n. 20, in via transitoria, per gli anni 2018-2019-2020, nelle more dell’attivazione del sistema informativo relativo al progetto di mappatura generale dell’accessibilità, di cui all’articolo 6 della Legge Regionale 19 marzo 2018, n. 10 sopra richiamata, l’Amministrazione regionale è autorizzata a finanziare le attività di progettazione e realizzazione degli interventi di cui all’articolo 8, comma 4, della medesima legge regionale, già individuati dai Comuni attraverso l’adozione dei Piani per l’abbattimento delle barriere architettoniche di cui all’articolo 32, comma 21, della legge 28 febbraio 1986, n. 41 (Legge finanziaria 1986), previa dichiarazione di adesione al progetto di mappatura generale dell’accessibilità, da parte degli stessi, per un importo massimo di 50.000 euro; ATTESO PERALTRO
che il Comune di Udine non risulta tra gli enti locali che si siano già dotati di un piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche; RICHIAMATA
l’importanza sociale che l’abbattimento delle barriere architettoniche sul nostro territorio assume non soltanto per le persone con disabilità, ma per tutti i cittadini che vogliono frequentare la nostra comunità in assoluta sicurezza; RICHIAMATO INOLTRE
il D.P.R. 4 ottobre 2013 che promuove l’adozione di proposte di legge nazionali per divulgare la conoscenza della cultura dell’accessibilità e il rispetto della normativa già vigente in favore delle persone con disabilità, anche rendendo più stringente l’obbligo di adeguare le strutture pubbliche alla normativa vigente in materia di eliminazione delle barriere architettoniche, nonché introducendo sanzioni penali per il mancato adeguamento di edifici e spazi pubblici alla vigente normativa in materia di eliminazione delle barriere architettoniche; PRESO ATTO
che, secondo i dati forniti dalla Regione Friuli Venezia Giulia, sarebbero solo 19 i Comuni che abbiano già adottato il Piano per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche e tra questi non risulta esserci il Comune di Udine;
TUTTO CIO’ PREMESSO, INTERROGA IL SINDACO E L’ASSESSORE COMPETENTE, CHIEDENDO
– se ritenga che nel nostro Comune non ci siano problematiche inerenti l’accessibilità e la rimozione di barriere architettoniche; – quando verrà predisposto ed adottato il piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche (PEBA) previsto dalla Legge Finanziaria 1986, per poter usufruire dei fondi messi a disposizione dall’amministrazione regionale per la progettazione e la realizzazione delle opere necessarie;
CHIEDE
Ai sensi dell’articolo 30 comma 7 del vigente Statuto del Comune di Udine, che venga data risposta entro 30 gg. alla presente interrogazione.

Potrebbero interessarti anche...