Udine, Giardin Grande: Nuovo concorso di idee per ripensare la piazza, è refresh elettorale?

Domani 17 ottobre, alle 12 nella sala del Popolo di palazzo D'Aronco verrà lanciato un concorso di idee per disegnare il futuro assetto di piazza Primo Maggio. Peccato che questa consultazione viene fatta fuori tempo massimo ed è comunque una sorta di replay, infatti era già stato annunciato nel dicembre dello scorso anno. Poi all'annuncio non era evidentemente seguito nulla e oggi come allora si annunciano i bandi. Nel 2016, era dicembre era già stato annunciato che per la riqualificazione di Giardin grande, la piazza più grande di Udine, e per una sua integrazione con il colle del castello, l’amministrazione comunale aveva deciso di bandire un concorso di idee. Al vincitore, era stato detto verrà assegnato un premio di 13 mila euro. Fra i vincoli del “concorso2 2016 il fatto che il progetto vincitore dovrà prevedere opere per un costo complessivo che non dovrà superare il milione e 300 mila euro, non andando ad intaccare il disegno originale ellittico della piazza e gli alberi storici che sono presenti, i concorrenti dovranno elaborare proposte per riorganizzare gli spazi di sosta, la viabilità ciclopedonale e per l’arredo urbano in un’area che , oltre alla piazza, comprende anche via Liruti, il colle del castello, via Verdi e la roggia. L’amministrazione comunale era anche stato detto sta anche cercando di ottenere una gestione dei giardini dell’ ex palazzo palladiano della Banca d’Italia, che consentirebbe di creare un suggestivo percorso pedonale tra il Giardin grande e via Gemona, nel centro storico mentre prosegue anche il progetto per la riqualificazione del palazzo storico che ospita la Biblioteca di Udine, che comprende la costruzione di un bar terrazzato e di un ascensore per raggiungere il Castello di Udine. Ora non si capisce se quanto detto meno di un anno fa era uno scherzo o se invece con il nuovo concorso di idde si vada al ridimensionamento del progetto o più semplicemente si tratta di un refresh a fini elettorali. Comunque di certo l'aver collocato il parcheggio in struttura in Piazza I Maggio, pregiudica non poco le possibilità d'utilizzo degli spazi dato che le auto in quel benedetto park non ci possono arrivare volando e quindi di pedonalizzazione completa manco si può parlare. Ora dopo aver messo una zeppa nella porta l'amministrazione comunale è pronta a chiedere nuovamente ad architetti e studi professionali di fare un miracolo, di elaborare le proprie proposte per riorganizzare l'ambito di Giardin Grande a livello urbanistico, architettonico e della mobilità. Un vero peccato non sia stato fatto prima della decisione di costruire il parcheggio, dato che ora i progettisti si trovano una sorta di buco nero e per di più incolmabile a meno di non buttare letteralmente al vento alcune decine di milioni. Comunque domani i contenuti del bando saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa. All’incontro saranno presenti il sindaco di Udine, Furio Honsell, e il vicesindaco e assessore alla Pianificazione territoriale, Carlo Giacomello.