Udine: Venanzi, non si fa sicurezza coi giardinieri

“Fontanini non può pensare di mettere in campo i giardinieri per dare sicurezza ai quartieri di Udine: questa è la cifra del suo fallimento come amministratore. Siamo ormai oltre la soglia del ridicolo se un sindaco s'illude di fermare lo spaccio usando il decespugliatore, quando invece per certe situazioni incancrenite della città occorrerebbero misure di eradicazione e prevenzione ben più incisive. Abbiamo chiesto più volte che il sindaco si attivasse in stretto coordinamento con la Questura per dislocare uomini e mezzi, fare reali politiche di intervento che fungano da deterrente per i malintenzionati e rassicurino la popolazione. Se necessario Fontanini rilegga il suo programma elettorale e si chieda perché non ha piazzato un presidio permanente come prometteva”. Lo afferma il capogruppo Pd nel Consiglio comunale di Udine Alessandro Venanzi, a fronte degli episodi di spaccio e criminalità di strada che si ripetono in Borgo Stazione, nel capoluogo friulano.