Vice ministro degli esteri Del Re: il Sahel è la vera frontiera d’Europa

Interessante la tesi del Vice Ministro agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, che aprendo un evento online organizzato dalla CGIL dal titolo “Pace e mobilità umana nel Sahel” ed evidenziando il crescente ruolo dell’Italia in tale quadrante africano ha di fatto teorizzato che il Sahel è la vera frontiera d'Europa. “Negli ultimi anni, l’Africa ha acquisito una crescente rilevanza per la nostra politica estera. Per la sua posizione geografica strategica di raccordo tra l’Africa subsahariana e il bacino del Mediterraneo, la regione saheliana riveste oggi un’importanza prioritaria”, ha esordito. “In nessun’area del mondo come nel Sahel, il contributo italiano è aumentato in maniera più significativa nell’arco degli ultimi tre anni. La Cooperazione Italiana nel Sahel è particolarmente attiva nel realizzare interventi volti a creare condizioni di sviluppo economico, attraverso lo sviluppo di capacità imprenditoriali e il sostegno alle PMI, con crescente attenzione all’attrazione di investimenti privati ad alto impatto sociale e ambientale, alla valorizzazione del capitale umano e alla formazione professionale di donne e giovani”. “Come noto – ha aggiunto il Vice Ministro – i Paesi del Sahel sono inoltre cruciali per la gestione del fenomeno migratorio quali Paesi di transito dei flussi di migranti verso l’Europa. La Farnesina ha istituito il Fondo Migrazioni per cooperare con i Paesi d’importanza prioritaria per i movimenti migratori, che ha destinato quasi il 50% delle sue risorse ai Paesi del Sahel. La geografia fisica, politica ed umana fanno del Sahel la vera frontiera dell’Europa. Dalla maniera con cui sapranno cogliere le opportunità (e gestire le sfide) di questa ineliminabile contiguità, l’Europa e l’Italia determineranno la loro sicurezza e benessere nel futuro”. “L’impegno dell’Italia a sostegno della stabilità del Sahel – ha sottolineato, concludendo, Del Re – è destinato a durare nel tempo, nel più ampio quadro del rafforzamento del partenariato strategico dell’Italia con i Paesi africani, un partenariato fondato sui valori del dialogo politico paritario, di uno sviluppo condiviso e della piena appropriazione africana delle risposte alle sfide africane”.