Start up: nuovi progetti per accelerare la crescita. L’Ecosistema dell’innovazione del Friuli Venezia Giulia oggi a confronto

UniCredit e Area Science Park promuovono un incontro per illustrare l’edizione 2022 di UniCredit StartLab e per approfondire i percorsi di crescita studiati per la neo-imprenditoria. E' in programma oggi, mercoledì 23 marzo, alle 16.30 l’evento “STARTUP: the new ideas as an opportunity for accelerating growth”, organizzato da UniCredit e Area Science Park (iscrizioni al link https://bit.ly/Startup_ideas). Obiettivo dell’iniziativa è quello di riunire tutti i protagonisti dell’ecosistema dell’innovazione del Friuli Venezia Giulia per illustrare e mettere a fattor comune tutti gli strumenti e le iniziative che possono ulteriormente irrobustire il trend di crescita della startup innovative. Il 2021 si è chiuso con numeri eccezionali per l’ecosistema dell’innovazione italiano: 1,461 i miliardi di euro investiti in startup innovative (dati Osservatorio del Politecnico di Milano) con una crescita del 118% rispetto al 2020. Inoltre, il numero delle startup e delle Pmi innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese ha superato a inizio anno quota 16mila. Anche sul versante della partecipazione femminile si registrano importanti passi in avanti, anche se c’è ancora molto da fare: in Italia, infatti, la percentuale di startup a guida femminile si attesta al 13% del totale (una percentuale che sale al 25% nei percorsi di UniCredit dedicati alla neoimprenditoria) e le startup innovative con almeno una donna nella compagine sono 6mila, ovvero il 42,7% del totale. I lavori saranno introdotti dai saluti di Stephen Taylor (Area Science Park) e Renzo Chervatin (UniCredit) e vedranno poi l’organizzazione di una tavola rotonda partecipata dai rappresentanti del mondo dell’innovazione locale Filippo Bianco (Friuli Innovazione), Fabrizio Rovatti (Innovation Factory – Area Science Park), Franco Scolari (Polo Tecnologico Alto Adriatico) e Alberto Steindler (BIC incubatori FVG). A seguire la presentazione dell’edizione 2022 di UniCredit StartLab, la piattaforma della banca per l’accelerazione di Start-up e PMI, a cura di Giusy Stanziola (UniCredit), la presentazione di presentazione di 4 progetti imprenditoriali di startup del territorio e la chiusura affidata a Diego Bravar (Confindustria Alto Adriatico) e Cristina Mattiussi (Confindustria Udine) che si soffermeranno sul valore aggiunto dell’”innovazione dal basso” promossa dalle startup.

UniCredit Start Lab
La call 2022 di UniCredit StartLab è aperta fino al 28 aprile, è possibile iscriversi dal link https://www.unicreditstartlab.eu/it/startup/iscrizione.html. Prosegue così l’iniziativa di UniCredit che ha portato, nelle precedenti 8 edizioni, all’analisi di più di 6mila progetti imprenditoriali di nuova generazione e all’accompagnamento di oltre 400 start up, verso percorsi di crescita, aumentandone le opportunità di business, lo sviluppo dal punto di vista manageriale e la visibilità sul mercato. Quest’anno saranno 5 i settori di riferimento per UniCredit Start Lab: Clean Tech (efficienza energetica, energie rinnovabili, trattamento dei rifiuti, mobilità sostenibile e smart cities); Innovative Made in Italy (agrifood, moda, design, turismo, meccanica, robotica, nanotecnologie e Industry 4.0); Digital (mobile apps, internet of things, servizi e piattaforme B2B, sistemi cloud, hardware e intelligenza artificiale); Life Science (biotecnologie, farmaceutica, dispositivi medici, digital health care e tecnologie assistive); e, novità 2022, Impact Innovation, sezione che accoglierà progetti trasversali agli altri segmenti ma con soluzioni ad impatto positivo in termini di sostenibilità. Le 10 startup selezionate per ognuna delle 5 categorie potranno accedere alla piattaforma di Start Lab che prevede: la partecipazione ad attività sistematiche di business e investment matching con controparti industriali e finanziarie del network di UniCredit; training manageriale avanzato, tramite la Startup Academy e workshop tematici; un programma di mentorship personalizzata con professionisti ed esperti dell'ecosistema dell'innovazione; l'assegnazione di un gestore UniCredit dedicato al supporto alla crescita. Inoltre, la prima classificata di ogni categoria si aggiudicherà un riconoscimento di 10.000 euro.