Mafia: Russo (Pd), impegno legalità nel ricordo dei caduti Polizia: “Preoccupano notizie infiltrazioni in opere pubbliche del territorio”

“Ricordare i caduti della polizia in particolare nel 30mo anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio non è solo un atto dovuto da parte dei cittadini e delle Istituzioni ma deve essere un motivo d’impegno per ribadire quei principi di legalità, verità e giustizia per i quali tanti servitori dello Stato hanno dato la vita”. Così il vicepresidente del Consiglio regionale Fvg Francesco Russo, che oggi ha partecipato alla cerimonia tenuta nel Famedio della Questura di Trieste per ricordare i caduti della Polizia e le vittime delle stragi di Capaci e via d'Amelio, alla presenza delle autorità civili e militari del territorio. “In particolare l’eroico sacrificio di Eddy Walter Cosina e di Vito Schifani accanto ai giudici Borsellino e Falcone – ha spiegato il consigliere regionale - ci devono spingere ad essere sempre vigili ed intransigenti nei confronti del fenomeno mafioso che sappiamo non essere più confinato ad alcune aree del nostro Paese. Ci preoccupano le recenti notizie di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata nelle attività economiche e nelle opere pubbliche del nostro territorio a partire – ha puntualizzato - dal cantiere del tram di Opicina”. “Se verrà confermata appieno la gravità di quanto riportato dal recente report dell’Osservatorio regionale antimafia – ha aggiunto Russo - sarà necessario, con la massima trasparenza, fare chiarezza di quanto è successo negli ultimi anni e dare tempestivamente ai cittadini le risposte che meritano con la certezza che tutti gli attori istituzionali sono impegnati di comune accordo a respingere dei rischi finora inediti per la nostra realtà”.