Una vignetta di Mauro Biani per la Morsolin. Presentato a Monfalcone i disegno “Coraggio Monfalcone Solidale” offerto dal noto illustratore

Giovedì scorso la coalizione di centrosinistra che sostiene la candidatura di Cristiana Morsolin a sindaca di Monfalcone ha presentato nel corso di un partecipato evento, la vignetta che Mauro Biani, noto illustratore e vignettista  ha composto e disegnato appositamente per Morsolin.  La vignetta è sovrastata dalla scritta “Coraggio Monfalcone Solidale” e vede Cristiana seduta assieme a due bambini, uno di pelle chiara e uno di pelle scura, sotto la bandiera della pace. Per introdurre il tema del disegno Giovanni Dean, esponente del mondo cattolico e dell’associazionismo, riporta una nota della lista della Morsolin, ha usate le parole di Papa Francesco, tratte dall’enciclica sulla fraternità e l’amicizia sociale “Fratelli tutti”, e dei parroci di Monfalcone, tratte dalle interviste rilasciate sul settimanale diocesano “Voce Isontina”, che parlano della presenza di persone straniere come di un “dono” per le società di arrivo e dell’integrazione come “processo bidirezionale, che si fonda essenzialmente sul mutuo riconoscimento della ricchezza culturale dell’altro”. Riconoscendo, prosegue la nota,  che, però, la presenza di un così grande numero di persone straniere, oltre il 28% della popolazione, è una fonte di preoccupazione e di complessità, oltre che di ricchezza culturale ed economica, Cristiana Morsolin ha illustrato i punti del programma elettorale che mirano a costruire una Monfalcone che diventi modello di convivenza, partendo dal disegno di Biani, che indica come “i giovani sono gli ambasciatori di questo futuro”: ampliamento dell’offerta scolastica e dei servizi extrascolastici a favore delle famiglie; sostegno alle associazioni sportive, culturali, di volontariato; istituzione di corsi d’italiano per gli adulti; dialogo con le grandi aziende, Fincantieri in primis, con cui instaurare un Patto per un lavoro giusto, non svilito dagli appalti al ribasso; politiche per la casa. “C’è tanto lavoro da fare, ma Monfalcone può realmente diventare un laboratorio che anticipa l’Italia del futuro. Vogliamo farlo assieme, le nostre diverse provenienze non devono spaventarci e non devono essere strumentalizzate per fomentare divisioni e sospetti; dobbiamo invece lavorare a partire dai punti di incontro che ci accomunano. Vogliamo usare il disegno di Biani per lanciare il nostro appello a coloro che credono che assieme stiamo gettando le basi per una nuova società: CORAGGIO MONFALCONE SOLIDALE.” Il dibattito successivo è stato poi condotto dal giornalista Roberto Covaz che ha dialogato con la candidata e i rappresentanti delle liste che sostengono la coalizione di centrosinistra su temi rilevanti di attualità. Si è spaziato dalla nuova dirigenza Fincantieri fino al nuovo modello di sviluppo economico che si vorrebbe per Monfalcone. Ci si è soffermati anche sul ricordo di cosa significa per la città il luogo scelto per l'iniziativa che ha visto generazioni di Monfalconesi crescere con l'associazionismo sportivo assieme ad un volto storico come Roberto Abram. Un luogo simbolo per creare un ponte tra tradizione e futuro, per costruire assieme Tutta un'altra storia.