Bankitalia: Shaurli, Regione Fvg aiuti imprese a rientrare da debito. “Non può bastare assestamento con dentro un po’ di tutto per consenso”

“Grazie alle garanzie pubbliche straordinarie oggi non ci sono grandi deterioramenti ma a maggior ragione la Regione deve pensare subito ad aiutare le imprese nel rientro dal debito, ad accordi con le banche per dilazioni con garanzia pubblica. Mai come oggi non servono risorse per accontentare tizio e caio ma scelte di sistema, di prospettiva ed attenzione a chi è più in difficoltà. Pare invece che si profili un assestamento come tutti gli altri, come nulla fosse accaduto, come non ci fosse stata una pandemia”. Lo afferma il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli, esaminando il rapporto annuale “L'Economia del Friuli Venezia Giulia”, elaborato dalla Banca d'Italia, che segnala un aumento dei prestiti alle imprese non solo cresciuto ma doppio rispetto alla media del nord est.
“Alcuni settori devono essere supportati ma ripartono, come il turismo – osserva Shaurli - e per fortuna riparte l’export grazie alla nostra vocazione europea ed internazionale, ma ci sono settori più in difficoltà che chiedono alla Regione di darsi priorità chiare: a questi non può bastare il solito assestamento con dentro un po’ di tutto alla ricerca del consenso”.
“Il report della Banca d’Italia ci segnala il numero impressionante di ore di cassa integrazione, oggi allargata a tutti ma – ammonisce l’esponente dem - alla fine del blocco dei licenziamenti dobbiamo arrivare preparati con risorse e misure innovative per chi rimane senza lavoro”.