Decolla da Fagagna la 10^ edizione di Art tal ort. In Castello artisti da tutto il mondo

Uno spavaldo tacchino-astronauta lanciato verso l’infinito universo su una pannocchia–astronave con pop corn a propulsione. È la scoppiettante locandina realizzata dal celebre illustratore pordenonese Marco Tonus per la 10^ edizione di Art tal Ort, il Festival d’arte per strada in programma il 10 e l’11 agosto prossimi al Castello di Fagagna. Un’esilarante metafora per un’edizione scoppiettante davvero che punta alle stelle, la numero 10 della manifestazione nata due lustri fa dal genio creativo dell’associazione culturale Felici ma furlans e che si prepara a entrare nella storia grazie alla rinnovata direzione artistica affidata per quest’edizione al mostro sacro della clownerie Fraser Hooper: il clown neozelandese, vincitore di numerosi premi in tutto il mondo, capace di creare performance fatte di danze esilaranti e improvvisazioni comiche irresistibili. C’è dunque lo “zampino” del maestro Hooper nella scelta di alcuni degli artisti che saliranno nell’area del Castello della cittadina collinare. Come sempre nel corso della due giorni fagagnese saranno diverse le forme d’arte rappresentate: da quelle visive alla danza, alla musica al teatro.

Una trentina gli appuntamenti spalmati su due giorni anche per quest’anno realizzati grazie al Comune di Fagagna, alla Regione, alla Fondazione Friuli, alla Comunità collinare e a numerosi sponsor privati. Da non perdere, oltre a quelli che vedranno protagonisti il direttore artistico Hooper in scena anche in 5 dei 7 spettacoli di “aspettando Art tal ort…” che coinvolgeranno altrettanti paesi del Friuli – Pordenone, San Daniele del Friuli, Udine, Villaorba di Basiliano, Firmano di Premariacco, Moruzzo e Travesio -, sicuramente quelli in cui sarà in scena Alexander Koblikov, entrato nel Guinness dei primati per aver giocato con 14 palline contemporaneamente. A rendere celebre Koblikov, oltre alla sua incredibile maestria nel maneggiare un numero incredibile di palline, la sua eccezionale eleganza, dote che conferisce unicità a uno spettacolo imperdibile. In agenda va messa non di meno l’esibizione del britannico Jon Hicks: un artista che realizza in una manciata di secondi delle vere e proprie opere d’arte di cui il pubblico rimane ogni volta estasiato praticamente all’ultima pennellata, ovvero nel preciso istante in cui capisce che quegli sgorbi pitturati con foga sulla tela, se capovolti, sono dipinti di rara bellezza. Come ogni anno, dunque, anche per questa edizione il Castello di Fagagna si appresta a trasformarsi in un enorme palcoscenico, in una sala concerti, in una galleria d’arte. Il pubblico, con un piccolo contributo – 5 euro per un giorno, 8 euro per 2 giorni, per i bambini con meno di 10 anni l’ingresso è libero -, potrà farsi trascinare in un vortice di eventi.

«L’obiettivo al quale abbiamo ambito sin dalla prima edizione – spiega il responsabile del progetto Tommaso Pecile – è stato quello di portare nelle semplici corti di paese, artisti di fama internazionale con spettacoli in cui tutto è nuovo, mai arrivato in Friuli prima. La forza di questo contenitore è stata anche quella di aver saputo crescere di edizione in edizione, accontentando sempre di più e meglio i gusti di un pubblico eterogeneo che va dai 2 ai 99 anni. Per questo ancora una volta il nostro grazie a chi ha creduto e continua a credere in noi, negli artisti che ogni anno abbiamo portato qua, accogliendoli con calore, come degli amici che a Fagagna arrivano e lasciano un po’ della loro arte e del loro cuore».

Facebook - https://www.facebook.com/arttalort/

home