Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne: Facciamo rete. Conoscere è già agire

Facciamo rete alla violenza. Conoscere è già agire. È questo il nome delle iniziative organizzate dalla Commissione Pari Opportunità del Comune di Udine, in occasione del 25 novembre, “Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne”, anche con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, in partenariato con l’Associazione L’istrice APS e il Servizio Zero Tolerance, con l’obiettivo di sensibilizzare e informare non solo i professionisti e le professioniste che si occupano di queste tematiche, ma anche giovani e le giovani e non addetti/e ai lavori, attraverso un ventaglio di proposte diversificate. Le 5 iniziative programmate esprimono la volontà della Commissione di aumentare la consapevolezza sulla drammaticità del fenomeno della violenza di genere, riflettere sulla sua recrudescenza anche a causa della pandemia, al fine di contrastarla con ogni mezzo possibile nelle sue varie forme e nelle sue diverse sfaccettature, attraverso un impegno comune fra Enti, Istituzioni, Associazioni, che possano fare “Rete”, promuovendo una cultura del rispetto dei generi e delle pari opportunità. Le iniziative, ruotando attorno alla Giornata contro la violenza sulle donne, si concentrano prevalentemente nella settimana del 25 novembre, sempre compatibilmente con le normative e le disposizioni nel merito della situazione pandemica. La comunicazione degli eventi verrà veicolata tramite social, sito internet e materiale informativo cartaceo. Gli eventi sono di diverse tipologie: incontri formativi e di approfondimento, spettacoli culturali ed esposizioni artistiche. Diversificati sono anche i target di pubblico coinvolto: professionisti/e, formatori/trici, persone della Città di ogni età con particolare riferimento ai/alle giovani. La scelta di trattare il tema della violenza attraverso tutte le più diverse forme di comunicazione è il fil rouge (filo rosso anche e proprio nel senso letterario del termine) dominante la rassegna delle iniziative. È un percorso fortemente voluto dalla Commissione, conclude la Presidente Anna Cragnolini, ringraziando tutte/i coloro che hanno favorito e supportato la realizzazione del catalogo. E aggiunge: “la programmazione è stata studiata per dare seguito ad una sequenza di “senso” degli eventi: la presentazione dei murales vuole essere l’incipit per l’avvio della settimana dedicata alla violenza di genere. Un team di artisti per discutere del tema ed “aprire le coscienze” a una cultura di pace e rispetto per le donne. L’evento appena successivo chiede alle figure educative un coinvolgimento ed una partecipazione forte a una educazione di prevenzione, per addivenire, con il terzo evento, al cuore del tema della violenza usando la tecnica della narrazione attraverso la filmica. Nella stessa giornata ci sarà poi la passeggiata e visita di presentazione dell’accensione e illuminazione della Loggia di San Giovanni, unita a un “minuto” di silenzio per tutte le donne vittime di violenza. Seguirà una intensa trattazione, attraverso l’opera drammatica di Paolo Sartori, autorevole e riconosciuto artista del territorio, del problema dell’affettività femminile in rapporto a relazioni tossiche con uomini capaci di abusi. Infine, come promessa e speranza ci si rivolgerà ai giovani per coinvolgerli in una esperienza ove l’adulto ascolta e il ragazzo e la ragazza narrano”.