Leopolda, indagato il presidente della Fondazione Alberto Bianchi che finanziava Matteo Renzi

Traffico di influenze. È questa l'ipotesi di reato per la quale risulta indagato a Firenze l'avvocato Alberto Bianchi, ex presidente di Open, la fondazione-cassaforte per le iniziative di Matteo Renzi, tra cui la Leopolda. Lo studio di Bianchi a Firenze, da quanto si è appreso, è stato anche perquisito ieri, invero con sospetto tempismo rispetto agli accadimenti politici nazionali, alla presenza del procuratore aggiunto del capoluogo toscano Luca Turco, il magistrato titolare dell'inchiesta condotta dalla guardia di finanza. Massimo riserbo sulle indagini da parte degli inquirenti. Ha invece confermato che c'è un'inchiesta in corso il legale di Bianchi, l'avvocato Nino D'Avirro.

«L'avvocato Alberto Bianchi è indagato per una ipotesi di reato fumosa qual è il traffico di influenze per prestazioni professionali a mio avviso perfettamente legittime», ha spiegato. In realtà il reato contestato è molto chiaro ed è previsto e punito dall'art. 346-bis del Codice Penale che recita: «Chiunque, fuori dei casi di concorso nei reati di cui agli articoli 319 e 319 ter c.p. (Corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio ndr), sfruttando relazioni esistenti con un pubblico ufficiale o con un incaricato di un pubblico servizio, indebitamente fa dare o promettere a sé o ad altri denaro o altro vantaggio patrimoniale, come prezzo della propria mediazione illecita verso il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio ovvero per remunerarlo in relazione al compimento di un atto contrario ai doveri di ufficio o all'omissione o al ritardo di un atto del suo ufficio, è punito con la reclusione da uno a tre anni.» L'avvocato difensore D'Avirro ha anche spiegato che Bianchi «ha messo a disposizione degli inquirenti la documentazione richiesta nella convinzione di poter chiarire al più presto questa vicenda che - precisa il legale - lo sta profondamente amareggiando».
Pistoiese d'origine, fiorentino d'adozione, 65 anni, l'avvocato Bianchi è stato anche legale dell'ex premier Renzi oltre che presidente di Open, 'erede' della fondazione Big bang nata nel 2012, il cui scopo era supportare le attività e le iniziativa di Matteo Renzi fornendo contributo finanziario, organizzativo e di idee.
Nel consiglio direttivo, oltre che da Bianchi presidente, sedevano Maria Elena Boschi (segretario generale), Marco Carrai e Luca Lotti. La fondazione, sul cui sito internet era possibile leggere i nomi dei finanziatori che avevano dato il consenso alla pubblicazione, è stata chiusa l'anno scorso.