Liguori (Cittadini): «Subito un accordo con le farmacie per l’esecuzione dei tamponi rapidi»

«E’ passato più di un mese da quando abbiamo chiesto, con un ordine del giorno alla Giunta regionale, di trovare un accordo con le associazioni dei farmacisti per rendere questi presidi sanitari punti per i test rapidi antigenici, strumento utile a un tempestivo tracciamento. La risposta, allora, era stata che si è già al lavoro per questo, ma a quanto pare, come segnalato anche dal presidente di Federfarma Fvg, la situazione non si è ancora sbloccata». La consigliera regionale Simona Liguori (Cittadini) si trova quindi a ribadire la necessità di velocizzare i tempi, per dare la possibilità ai cittadini di effettuare il tampone rapido nelle farmacie. «I farmacisti friulani hanno dimostrato la loro disponibilità ad affiancarsi alle strutture esistenti, predisponendo spazi e garantendo la sicurezza in ogni aspetto della procedura – aggiunge Liguori -. Dopo l’Emilia Romagna, anche il Veneto ha approvato la delibera sul protocollo d'intesa per l'esecuzione di test antigenici rapidi in farmacia e l’adesione è stata molto importante: l’emergenza sanitaria è, purtroppo, ancora in atto e l’apporto dei farmacisti può risultare fondamentale per consentire la sorveglianza Covid-19 e spegnere sul nascere eventuali focolai».