Ragazze e ragazzi che raccontano l’Europa, Pordenone festeggia l’UE: Irse porta online la “meglio gioventu'”,

Un rotolo di carta igienica con la scritta Don’t panic! e l’hashtag #nextgenerationEU è stato il logo del Concorso Internazionale IRSE Europe&Youth 2021. Domenica 9 maggio, in felice coincidenza con la Festa dell’Europa, giovani universitari di tutta Italia vincitori del Concorso esprimeranno le loro idee sul futuro dell’Europa: appuntamento dalle 10 per assistere alla Premiazione in prima visione sui profili Facebook e Instagram IRSE-ScopriEuropa e sul canale Youtube Cultura Pordenone.Il Concorso proponeva quest’anno 11 tracce: dal saggio dell’economista Mariana Mazzucato Non sprechiamo questa crisi al recente Piano d’azione Ue contro il razzismo, all’ultimo Rapporto su Algoritmi e rispetto della privacy, all’urgenza delle sfide ambientali e della sharing economy. Anche una riflessione su Dante, poeta universale, e sul libro Finitudine di Telmo Pievani. L’urgenza di competenze scientifiche e di rivoluzione nei comportamenti individuali sono state al centro di elaborati di tutte le fasce di età. Introdotti dalla presidente IRSE Laura Zuzzi, e dalla digital storyteller Eleonora Boscariol, i giovani premiati proporranno i loro interventi in video. Interverranno anche l’Assessora alla Cultura della Regione FVG Tiziana Gibelli, il presidente di Fondazione Friuli Giuseppe Morandini, l’Assessora al Turismo e Progettazione Fondi europei del Comune di Pordenone Guglielmina Cucci. «Una gran voglia di tornare a scuola accomuna ragazze e ragazzi: dai più piccoli, agli adolescenti, agli universitari – osserva la presidente IRSE Laura Zuzzi - Gran voglia di abbracci e di musica insieme, e anche un desiderio di conoscersi in maniera meno superficiale, confrontandosi su temi importanti del loro presente e futuro. Voglia di acquisire competenze, in particolare nell’ambito scientifico, per dare, da protagonisti, un loro contributo al cambiamento, nel segno dell’innovazione e anche della condivisione: questa per loro è l’Europa.». Fra i vincitori anche due studenti universitari del Friuli Venezia Giulia: sono Emanuel Oian di Pulfero (UD), corso di Laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche, Università degli Studi di Trieste - sede di Gorizia che auspica il ritorno di uno Stato imprenditore, capace di realizzare investimenti pubblici e stimolare quelli privati per trasformare in opportunità le crisi che stiamo vivendo; e Martina Furlan di Trieste, laurea quadriennale in Scienze internazionali Ljubljana University, che ha intercettato temi come la trasparenza degli algoritmi e la responsabilità dei “progettisti di intelligenze artificiali”. Altri vincitori dagli atenei di: Bologna, Firenze, Leiden (Olanda), Liubljana (Slo), Napoli, Torino, Trieste, Udine. 12 vincitori anche tra gli studenti di Licei scientifici e linguistici, dalle province di Cuneo, Milano, Padova, Pordenone. 42 studenti delle scuole secondarie di primo grado e primarie dalle province di Pordenone, Trieste e Venezia.

Martina Furlan Trieste Lubiana

Molti vincitori FVG per le Scuole secondarie di Secondo Grado: Anita Broshka di Sacile (PN). Classe 5^C, Liceo Scientifico Grigoletti di Pordenone, Martina Guiotto di Pordenone, Mattia Zen e Leonardo Mantovani di Pordenone, Gianmaria Zoff di Pordenone ed Emma Piccin di Cordenons (PN). Nella sezione Scuole secondarie di Primo Grado e Primarie i riconoscimenti sono andati a 16 studenti delle classi 1^A e 2^C Scuola Secondaria di Primo Grado dell’Istituto Vendramini di Pordenone coordinati dall’insegnante Letizia Ventura, agli studenti Giacomo e Francesco Novel delle scuole “Dante Alighieri” e “Nazario Sauro” di Trieste. Come consuetudine, i lavori che si sono aggiudicati i primi premi della Sezione Università e Scuole Secondarie di Secondo grado sono raccolti in un Quaderno delle Edizioni Concordia Sette, disponibile sul sito centroculturapordenone.it/irse