Rassegna “Palchi nei Parchi” sabato a Malborghetto-Valbruna (Ud), il concerto Brass & swing con il Tiepolo Brass Quintet

Ritmo e swing, senza spazio né tempo, ma dal forte impatto emotivo e coinvolgente per il prossimo appuntamento della rassegna itinerante di musica, teatro e danza “Palchi nei Parchi”, ideata dal Servizio foreste e Corpo forestale della Regione con la direzione artistica della Fondazione Luigi Bon. Sabato 21 agosto alle 11 in Località Madonna della Neve ad Alpe di Ugovizza a Malborghetto-Valbruna (UD) – in collaborazione con il Festival Risonanze – il concerto BRASS & SWING, con il Tiepolo Brass Quintet, formato da Diego Cal e Luca Del Ben alle trombe, Martina Petrafesa al corno, Andrea D’Incà al trombone ed Enrico Toso al bassotuba su musiche di Scheidt, Farnaby, Verdi, Mascagni, Rossini, Kompanek, Rodriguez, Iveson. Uno spettacolo a tutto tondo, capace di condurre lo spettatore oltre i confini della musicalità, soddisfacendo i gusti e le aspettative anche del pubblico più esigente, ogni strumento è così valorizzato nelle proprie sfumature tecniche ed espressive. Creato e diretto dal trombettista friulano M° Diego Cal, Tiepolo Brass Quintet è un gruppo d’ottoni formato da musicisti che si destreggiano con virtuosismo e divertimento all’interno di un vasto repertorio che spazia dal barocco alla musica contemporanea.

 

La località Madonna della Neve – raggiungibile a piedi in 1 ora e 15 minuti circa dopo aver lasciato la macchina presso l'ultimo parcheggio della strada che da Ugovizza porta all'Alpe – è posta nell’ampia area compresa tra il Monte Acomizza (1813 m) e il Monte Cocco (1914 m), inserita all’interno delle Alpi Carniche, lungo il confine di Stato fra Italia e Austria. Pochi lo sanno ma l’area rappresenta la linea di spartiacque tra il bacino idrografico danubiano, in Austria, e quello adriatico, in Italia. La località Madonna della Neve si trova sulle pendici orientali del monte Gozman, poco a sud dell'Osternig, sul confine italo-austriaco. Qui, a 1750 m, sorge una suggestiva chiesetta, costruita nel 1911 da un carinziano di Feistritz an der Gail: questa semplice e minuscola costruzione in pietra a vista e tetto a scandole di legno è costituita da un unico ambiente rettangolare con una piccola abside, nella quale è stato incastonato un altare ligneo di tradizione nordica. Attorno alla chiesetta, dalla quale si può ammirare una splendida veduta sulle Alpi Carniche e Caravanche, sono ancora presenti numerosi resti bellici.

 

La rassegna “Palchi nei Parchi” è ad ingresso gratuito con prenotazione sul sito www.palchineiparchi.it. Possibile aderire liberamente alla campagna di raccolta fondi green per finanziare il progetto “Dopo la tempesta VAIA – Insieme per la rinascita dei boschi”.