Sanità: Spitaleri (Pd), da Regione Fvg insufficienti risorse per lavoratori

 

“Non si capisce come la Regione Friuli Venezia Giulia abbia conteggiato le risorse aggiuntive che il Governo centrale ha stanziato per far fronte all'impegno straordinario del personale sanitario, di quelli che si chiamano ‘eroi’ e quando serve si utilizzano come schermi alle critiche. E’ imbarazzante il fatto che, oltre al sacrificio personale richiesto, ci siano lavoratori della sanità che devono ancora attendere il saldo di indennità per attività nelle terapie intensive e nei reparti Covid dell'ultimo trimestre dello scorso anno. L'attenzione al personale non si può risolvere con un selfie ad ogni apertura di centro vaccinale”. Lo afferma il membro della commissione Paritetica Stato-Fvg Salvatore Spitaleri, commentando la comunicazione delle Organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Fials, Fsi e Nursind ai lavoratori dell’Asugi in merito all’interruzione della trattativa sulle risorse aggiuntive regionali (RAR), in quanto “le risorse messe a disposizione del personale sono palesemente insufficienti per affrontare il fabbisogno assistenziale e organizzativo in relazione alla pandemia Covid”.
“Ci sono molte domande da farsi – aggiunge Spitaleri - se per la sola Asugi le risorse da destinarsi al personale per questa partita ammontano a circa 3 milioni e mezzo di euro mentre la Regione mette sul piatto risorse per 2 milioni e quattrocentomila euro”.